rotate-mobile
PordenoneToday

Alzheimer: la sofferenza delle famiglie sul palco a Casarsa

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PordenoneToday

In un sogno - Parole, musica, immagini oltre i confini dell’Alzheimer" prima nazionale in scena al teatro comunale Pier Paolo Pasolini di Casarsa della Delizia venerdì 17 maggio alle ore 20.45 con ingresso libero. Spettacolo di cui è autrice Chiara Lo Presti (in arte Claire D) che ne è anche interprete insieme a Max Bazzana. Regia di Alberto Barutti-

Due protagonisti in scena, un uomo ed una donna, inducono lo spettatore a vedere il mondo attraverso gli occhi di tutte le persone (figli, madri, padri) che, direttamente o indirettamente, vivono la condizione clinica e sociale alienante dettata dal sopraggiungere di una malattia neurodegenerativa come l’Alzheimer. Attraverso canzoni, racconti e momenti di toccante lucidità - mentre i confini tra passato e presente si fanno labili, come in un sogno - i protagonisti mettono a nudo tutta la fragilità dell’animo umano memori che anche nei momenti di maggior disperazione, si può essere in grado di trasformare un limite in un’ opportunità di bellezza. Una produzione Fantambiente in collaborazione con cooperativa Barbamoccolo e Arti Varti. Evento realizzato in collaborazione con Ambito territoriale Tagliamento, Cem, Comune di Pordenone. Con il patrocinio della Regione Autonoma Friuli Venezia giulia, Città di Casarsa della Delizia, Comune di San Vito al Tagliamento, Asfo, Lions Club Medio Tagliamento, Fai, Casa di riposo San Vito, Associazione Familiari Alzheimer Pordenone, Polaris, Ute Sanvitese, Associazione Luigi e Toni Zuccheri, Sofia, Fidapa. Con il contributo di Hdi assicurazioni, Coop Casarsa, Kronospan, Lions Club Medio Tagliamento. “In un sogno" è toccante e veritiero nella descrizione minuziosa di un tema cosi delicato quale quello dell'Alzheimer, si muove seguendo un’unica grande volontà che è quella di suscitare profonde emozioni. Ogni individuo è una storia unica da raccontare e custodisce un'umanità della quale è fondamentale prendersene cura.

CHIARA LO PRESTI Artista eclettica ed intensa, ama sperimentare numerosi generi musicali. A Roma frequenta la facoltà di Scienze della Comunicazione presso La Sapienza, incide due dischi per il cantautore Beppe Frattaroli, in qualità di vocalist, e si esibisce nei club romani. Trasferitasi a Pordenone, comincia a prendere lezioni di canto moderno e jazz ed inizia da allora una solida e continuativa collaborazione con il CEM - Associazione Cultura a Musica di Pordenone, grazie alla quale prende parte a numerosi eventi e spettacoli in cui avrà modo di sperimentare altri generi musicali tra i quali il musical. È stata una delle voci degli Harmony Gospel Singer, coro gospel diretto da Stefania Mauro, con il quale ha aperto l’evento di Beppe Grillo a Villa Manin (UD) nel 2005. Voce solista, con i “BLAK”, band omaggio ai Blues Brothers. Prede parte a numerosi concorsi canori di levatura nazionale. Vincitrice del talent show “Tu Si que Vales” a bordo delle navi Costa Crociera nel 2016, che le ha dato modo di accedere alle selezioni nazionali del programma Mediaset. Nel 2020 realizza il suo suo primo disco di inediti intitolato “Voglio Vivere Così”, con il nome d’arte Claire D. sotto la direzione artistica di Beppe Frattaroli, accompagnata da Francesco Puglisi, Amedeo Ariano, Michele di Toro, Daniele Di Bonaventura, Jorge Ro. Vincitrice del Premio Mia Martini 2020, nella categoria nuove proposte per l’Europa, con “Solamente Tu”, uno dei brani presenti nel suo album di esordio. Ha collaborato con Andrea Ortis, regista, autore ed attore teatrale, con il quale ha portato in scena “Novelle per un anno“. Finalista al prestigioso contest internazionale LIFT- OFF GLOBAL NETWORK Sessione 2021, con il videoclip “Piove”, uno dei brani presenti nel disco “Voglio Vivere Cosi”. Vincitrice del Sipontum e del Madonie Film Festival nel 2022 come miglior videoclip con il brano “Fammi sentire in un sogno” dedicato ai malati di Alzheimer e ai loro famigliari, con il quale è stata in finale al prestigio Festival di cinematografia sociale “Tulipani di Seta Nera” in collaborazione con Rai Cinema.

MAX BAZZANA Ha studiato pianoforte, solfeggio e canto corale presso l’istituto musicale Santa Cecilia di Portogruaro. Ha sostenuto e conseguito l’esame di abilitazione all’insegnamento di tastiera e pianoforte per le scuole musicali Yamaha con sede a Milano nel 2001. Si è diplomato in Animazione Musicale presso il CSMDB di Lecco, ha proseguito la sua formazione in musicoterapia presso la scuola quadriennale di Musicoterapia di Assisi. Ha frequentato dal 2001 un corso triennale di composizione moderna sotto la guida del Maestro e compositore Mario Pagotto. Come musicista si esibisce da 17 anni sia in Italia che all’estero, collaborando con numerosi gruppi musicali e compagnie teatrali. Compone musica per spettacoli teatrali, video, installazioni multimediali e artistiche. Lavora nell’ambito della pedagogia musicale e teatrale, guidando laboratori e regie di spettacoli teatrali e di teatro scuola.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alzheimer: la sofferenza delle famiglie sul palco a Casarsa

PordenoneToday è in caricamento