rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Animali

Quasi il 50% delle famiglie italiane vive con animali: una presenza sempre più costante

Secondo il Rapporto Assalco-Zoomark, rispetto agli ultimi anni è aumentato il numero di animali presenti nelle famiglie italiane che sono sempre più attente a temi sensibili come l’alimentazione e l’igiene

Sono affettuosi, spesso divertenti e sono i compagni ideali: gli animali domestici negli ultimi anni sono diventati sempre più presenti nelle nostre vite. Spesso la decisione di accoglierli in casa a lungo andare si rivela positiva sia a livello fisico (nel caso dei cani che necessitano di essere portati spesso fuori) sia a livello psicologico. Quest’ultimo caso è vero soprattutto se ci sono dei bambini.

A conferma della presenza sempre più costante degli animali è arrivato il Rapporto Assalco-Zoomark presentato in occasione di Zoomark International 2023.

Quanti animali si possono tenere in casa? Cosa dice la Legge 

La presenza degli animali nelle case è una costante

Rispetto al passato la presenza degli animali in casa ha avuto una crescita continua negli ultimi anni. Significativo è proprio uno dei dati emersi dal rapporto: ben il 42% delle famiglie italiane vive con almeno un animale domestico, non a caso nel giro di appena 12 mesi il numero totale di pet presenti nelle abitazioni italiane è passato da 62 a 65 milioni.

A questo totale contribuiscono in buona parte i cani (9 milioni) e i gatti (10 milioni), ma oltre a loro ci sono anche molti rettili, piccoli mammiferi e volatili. Tra l’altro, il rapporto Assalco-Zoomark contiene anche altre informazioni interessanti che fanno capire come è cambiato nel corso del tempo il rapporto tra uomo e animale domestico.

Un rapporto sempre più coinvolgente

Rispetto al passato, oggi i pet vengono considerati membri della famiglia a tutti gli effetti. L’indagine condotta da BVA-DOXA che è contenuta proprio all’interno del rapporto, ha preso in esame un campione rappresentativo della popolazione italiana: gran parte degli intervistati (il 90%) ritiene che gli animali domestici vengano nutriti e curati meglio e sono alte anche le percentuali di coloro che considerano i pet più accettati nei luoghi pubblici e maggiormente considerati dai mezzi di comunicazione.

Il rapporto tra uomo e animale è diventato ancora più coinvolgente, tanto è vero che l’85% dei proprietari intervistati nel corso dell’indagine ha spiegato come il proprio pet partecipi a ogni momento della loro vita in famiglia.

Una attenzione maggiore nei confronti dell’alimentazione

In poche parole, il comportamento di chi ha un animale domestico in casa è diventato più consapevole in relazione alle necessità dei pet. Questa consapevolezza si traduce in un’attenzione maggiore nei confronti dell’igiene e della pulizia degli animali perché si comprano molti più prodotti di questo tipo.

Lo stesso discorso vale per l’alimentazione: dal rapporto Assalco-Zoomark è emerso quanto sia fondamentale per il benessere degli animali. I bisogni nutrizionali di cani, gatti e non solo vengono assecondati con grande attenzione, in particolare dando la precedenza a prodotti di qualità e Made in Italy.

Proprio perché i pet sono membri della famiglia, Assalco, l’associazione che ha pubblicato il rapporto, sostiene il punto di vista delle associazioni di consumatori, veterinari e altri enti che hanno chiesto la riduzione dell’aliquota iVA sugli alimenti per gli animali e le cure veterinarie. Questo è uno degli aspetti che non va mai sottovalutato perché nel momento in cui si accoglie un pet in casa bisogna prendersene cura e dimostrargli tutto l’affetto possibile.

 A che punto siamo con la fine dei test animali per i cosmetici (e per la ricerca in generale)

Articolo originale su Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quasi il 50% delle famiglie italiane vive con animali: una presenza sempre più costante

PordenoneToday è in caricamento