rotate-mobile
salute / Comina alta / Viale Montereale

L'Asfo ottiene il primato per la medicina narrativa

L'azienda si è aggiudicata il LIMeNar Award grazie al lavoro degli esperti e della Dr.ssa Nicoletta Suter

Rimettere le persone e le relazioni al centro della cura. É questo l'obiettivo della SSD Formazione dell'Asfo, diretta dalla Dr.ssa Nicoletta Suter. Una squadra che proprio nei giorni scorsi si è aggiudicato uno dei tre LIMeNar Awards assegnati per la Medicina narrativa. È successo conferenza finale del progetto LIMeNar “Uso e contesti applicativi delle Linee di Indirizzo per l’utilizzo della Medicina Narrativa in ambito clinico-assistenziale e associativo" coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità e dalla Società Italiana di Medicina Narrativa (SIMeN).

Cos'è la medicina narrativa

La Medicina Narrativa è un cambiamento di approccio alla malattia. Una metodologia d’intervento clinico - assistenziale basata su una specifica competenza comunicativa. Un mezzo fondamentale per acquisire, comprendere e integrare i diversi punti di vista in un percorso di cura personalizzato.

“In ASFO – afferma la Dr.ssa Nicoletta Suter - stiamo applicando la Medicina Narrativa nella formazione partendo dalle arti visive, la letteratura (prosa e poesia), la musica, la filmografia e gli strumenti culturali in senso ampio con lo scopo di innescare un processo virtuoso di lettura, scrittura, riflessione e condivisione su temi e problemi che toccano la salute e la malattia, la vita e la morte, le ferite dell’esistenza di singoli individui, famiglie e intere comunità, seguendo un metodo educativo condiviso dalla comunità italiana e internazionale”.

La Medicina Narrativa di conseguenza si integra con l’Evidence-Based Medicine (la medicina basata su prove scientifiche), in modo da tenere conto di tutte le prospettive e avere una soluzione mirata rivolta al proprio assistito. La narrazione diventa così un elemento imprescindibile della medicina contemporanea, fondata sulla partecipazione attiva dei soggetti coinvolti nelle scelte, e sulle loro storie che vengono messe al centro del processo di cura. 

Non solo i pazienti

Non è tutto. Secondo la dirigente responsabile la Medicina Narrativa è un metodo efficace che porta a "prenderci cura di chi cura". La formazione narrativa, infatti, "pone molta attenzione alla salute e al benessere degli operatori, che attraverso questi percorsi possono dare un nuovo senso e valore al lavoro di cura nei contesti contemporanei caratterizzati da grande incertezza, continui cambiamenti, generalizzata demotivazione. Sovra stress e burn – out sono rischi delle professioni di aiuto. La pandemia ha solamente reso apicale il fenomeno della sofferenza dei curanti. Prendersi cura di chi cura è un imperativo «etico» nella medicina moderna, un processo indispensabile a vantaggio di tutto il sistema della cura”.

Una medicina “solo scientifica” non è in grado di sostenere il paziente a cogliere ciò che sta accadendo.  Per questo è importante dunque «rimettere persone e relazioni al
centro», ricostruendo ponti e legami nel mondo della cura.

I progetti

L'Asfo si è mossa con diciotto progetti formativi svolti nell’arco temporale 2016-2024, tutti realizzati con l’obiettivo di promuovere competenze di “cura narrativa” a tutti i livelli: nella relazione di aiuto, nei team professionali, nell’organizzazione sanitaria in senso ampio. 

“Il premio ottenuto è il risultato del lavoro e impegno di una grande squadra: i nostri formatori e facilitatori di medicina narrativa, il personale della Struttura della Formazione, tutti coloro che in questi anni hanno costruito con noi le trame dei nostri corsi e laboratori attraverso le loro riflessioni, idee e scritture".

Il futuro

La Dr.ssa Nicoletta Suter ha ottenuto piena collaborazione da parte della SIMeN (società italiana di medicina narrativa). Insieme a loro non solo sta formando facilitatori di medicina narrativa ma sta anche partecipando a gruppi europei e internazionali in modo da portare avanti questo nuovo paradigma. "Proprio questa settimana parteciperò a un meeting al Columbia Global Center di Parigi, per un confronto sulle esperienze applicate e i metodi di ricerca in medicina narrativa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Asfo ottiene il primato per la medicina narrativa

PordenoneToday è in caricamento