rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
L'iniziativa

Sui bus la campagna contro la violenza sulle donne

Grazie alla collaborazione con Atap il materiale è stato distribuito su tutti i mezzi in circolazione a Pordenone

Il numero antiviolenza su tutti i bus di Pordenone. L’amministrazione ha deciso di aderire all’iniziativa promossa da Anci Nazionale e dal Dipartimento Pari Opportunità del Consiglio dei Ministri. Una campagna capillare che mira promuovere la prevenzione e il contrasto alla violenza sulle donne.

Si parte con il numero verde 1522 antiviolenza e anti stalking presente nelle locandine informative. Un'iniziativa che si è servita anche della collaborazione di Atap che ha permesso di posizionare il materiale da distribuire su tutti i mezzi di trasporto urbano ed extraurbano, raggiungendo in questo modo tutta l’Area Vasta del Friuli Occidentale. 

«La collaborazione con Atap – sottolinea l’Assessora alle Pari Opportunità Cucci – si inserisce a pieno titolo in quel lavoro di rete interistituzionale che portiamo avanti da tanti anni e che di fatto ha reso Pordenone fucina di buone prassi riconosciute livello nazionale. La violenza di genere è un fenomeno strutturale e trasversale, diffuso nelle sue diverse forme in tutti gli strati sociali e in tutte le fasce di età. È fondamentale dunque che il messaggio raggiunga il maggior numero di persone e in questo il trasporto pubblico costituisce uno strumento molto utile e efficace».

Chi chiama il 1522 trova ascolto, consiglio e indirizzamento ai centri violenza territoriale. A Pordenone il centro antiviolenza di riferimento è Voce Donna, che vanta una esperienza consolidata e altamente qualificata e può essere anche contatto direttamente al numero 0434 21779. 

«È sempre più evidente - afferma l’Assessora alla mobilità e ai trasporti Lidia Diomede - che il primo passo per uscire da situazioni di violenza sia quello di chiedere aiuto, di uscire dall'isolamento in cui ci pone l'errata convinzione di riuscire da soli a gestire il problema. Il numero 1522 deve diventare un numero conosciuto da tutti, al pari degli altri numeri per la gestione delle emergenze, perché venga naturale utilizzarlo al bisogno. Grazie alla disponibilità e collaborazione di Atap tutti gli utenti del Trasporto Pubblico Locale avranno modo di conoscerlo e memorizzarlo. Un altro passo per sconfiggere insieme questa piaga sociale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sui bus la campagna contro la violenza sulle donne

PordenoneToday è in caricamento