rotate-mobile
Sabato, 4 Febbraio 2023
La delibera

Caro carburanti, la Regione conferma gli sconti fino al 28 febbraio

La riduzione per i residenti che vivono al confine con la Slovenia. Per la Zona 2 di Pordenone i prezzi sono rimasti invariati

Gli sconti sul carburante non si toccano. Lo annuncia in queste ore il presidente della Regione Massimiliano Fedriga dopo che la Giunta ha approvato la delibera che conferma le riduzioni dei costi dal 23 gennaio fino al prossimo 28 febbraio. Nei Comuni della Zona 1 (quelli svantaggiati a contributo maggiorato) rimane confermato lo sconto di 29 centesimi al litro per la benzina e di 20 centesimi al litro per il gasolio. Per quanto riguarda i Comuni della Zona 2 (quelli a contributo base come Pordenone) la quota rimarrà invariata a 22 e 16 centesimi, così come quella per le auto ibride di ulteriori 5 centesimi. 

Il provvedimento delibera prevede inoltre una crescita dello sconto di altri  dieci centesimi per Comuni della Fascia zero a meno di dieci chilometri dal confine nazionale. In questo modo la benzina costerà 44 centesimi in meno, mentre per il gasolio il calo potrà raggiungere i 37 centesimi rispetto al costo iniziale.

«Stiamo investendo molte risorse per agevolare le famiglie in un momento di difficoltà e per salvaguardare il nostro tessuto economico e sociale», afferma il presidente Fedriga.

«L’obiettivo - conclude l'assessore Fabio Scoccimarro - è quello di mantenere le risorse economiche nel nostro Paese, limitando il cosiddetto turismo del pieno che nuoce sia alla nostra economia quanto all'ambiente. Per questo abbiamo attivato lo sconto extra di 10 centesimi per i residenti nei Comuni a meno di 10 chilometri dai confini, affinché il risparmio economico nell'andare a fare il pieno oltreconfine, in relazione ai chilometri da percorrere e il tempo necessario, fossero marginali per i nostri concittadini».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caro carburanti, la Regione conferma gli sconti fino al 28 febbraio

PordenoneToday è in caricamento