rotate-mobile
Attualità

Go(to)gether: uno strumento innovativo contro la povertà educativa

Coinvolti 107 minori e 58 famiglie del Friuli Occidentale, coordinati da un team composto da 23 partner e 60 tra educatori, insegnanti, assistenti sociali. Un progetto virtuoso raccontato attraverso l’esperienza di un’educatrice

Il progetto “Go(to)gether”, progetto promosso dalla Fondazione Opera Sacra Famiglia insieme a 23 partner, tra cui il Comune di Pordenone e l'Asfo, da due anni si impegna nel contrastare la povertà educativa nel pordenonese. Un fenomeno che colpisce il 10% della popolazione, soprattutto ragazzi dai 6 ai 17 anni. Fin dal giugno del 2021, sono stati avviati interventi di educazione a domicilio e sul territorio, coinvolgendo attualmente 107 minori provenienti da 58 famiglie.

Le testimonianze

Nicole Tassan Toffola, educatrice della Cooperativa ACLI, partner di progetto, ha condiviso con noi la sua esperienza nel seguire un bambino di origini marocchine inserito nella progettualità. «Al mio arrivo vengo accolta con entusiasmo da parte di tutta la famiglia del bambino. La prima particolarità del nucleo riguarda la condivisione della casa con altri parenti e rispettive famiglie. La famiglia si è organizzata in modo tale che gli uomini si potessero dedicare al lavoro, mentre le mogli si sarebbero prese cura dei bambini. Il problema principale di queste madri, non parlando bene l’italiano e rimanendo sempre a stretto contatto fra di loro, è la difficoltà a instaurare legami al di fuori della famiglia di origine. Ciò influisce anche sulle relazioni sociali dei bambini. Il mio intervento è stato sull’ampliamento delle reti sociali ed esperienziali dei bambini coinvolti, ma anche l’affiancare e accompagnare le madri nel creare dei legami al di fuori della famiglia. Il rapporto di fiducia creatosi con la famiglia mi ha permesso di organizzare una gita ad un parco del territorio, riuscendo a coinvolgere anche la madre del bambino. La signora usciva di casa solo per strette necessità. L’evento è stato riportato con enfasi dai figli per molti giorni a seguire. L'entusiasmo del gruppo nel raccontare l'esperienza del progetto ha portato scuola e biblioteca del paese a chiedere informazioni per renderlo fruibile ad altri soggetti. L’esperienza maturata e il raggiungimento degli obiettivi prefissati per il minore, mi permettono di confermare l’utilità sociale del progetto».

L'iniziativa

Il progetto è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione Con il Sud.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Go(to)gether: uno strumento innovativo contro la povertà educativa

PordenoneToday è in caricamento