rotate-mobile
I dati

Non si ferma il crollo delle nascite a Pordenone: calo dei parti del 2,3% in un anno

In crescita la popolazione residente in Friuli Venezia Giulia secondo i dati rielaborati dall'Istat

Culle sempre più vuote in Friuli Venezia Giulia. A stabilirlo è l'ultimo report dell'Istat che offre un quadro completo sulla popolazione in Italia. In Regione la natalità è in discesa (-4,1% rispetto al 2022) ma al tempo stesso aumentano i residenti. Un segnale che può sembrare in controtendenza ma che è in realtà legato ai trasferimenti dalle zone del Sud, e dai flussi migratori provenienti dall'estero che in questo caso hanno compensato il deficit di nascite in Italia. 

La popolazione in Regione

Secondo i dati provvisori, la popolazione residente in Friuli Venezia Giulia è di 1 milione 195 mila unità, in aumento rispetto ai numeri dello scorso anno quando l'Istat registrava la presenza di 1 milione 194 mila abitanti.

Questa lieve crescita si è vista anche nella ex provincia di Pordenone che ha avuto un balzo di più di mille abitanti rispetto allo scorso anno, passando da 310 mila 133 unità a 311 mila 149 residenti. In città, invece, l'incremento risulta ancora più impercettibile dato che dallo scorso anno si sono aggiunti 502 abitanti toccando la soglia di 52 mila 344 unità.

L'ex provincia di Trieste ha avuto una lieve crescita della popolazione. Si parla, anche in questo caso, di numeri a tre cifre, ovvero 247 residenti. E questo ha permesso di sfiorare la soglia dei 229 mila abitanti (228 mila 952 persone, per la precisione). Dati più o meno speculari anche per Gorizia con 396 persone in più rispetto allo scorso anno e una popolazione residente che si attesta su 138 mila 430 unità. Segno meno invece per Udine che ha visto da un lato un aumento degli abitanti in città (98 mila 430 residenti, +390), e dall'altro una flessione pari a 155 individui (517 mila 261 abitanti nel 2023). 

Al 1° gennaio 2024 la popolazione residente in Italia è di 58 milioni 990mila persone, in calo di 7mila unità rispetto alla stessa data dell’anno precedente.  

Indice di natalità in Friuli

Prosegue invece il crollo delle nascite nel 2023 in Friuli. Stando ai dati presentati dall'Istat, a Pordenone ci sono stati 2 mila parti con una diminuzione del 2,3% rispetto al 2022. Numeri ancora più preoccupanti vengono registrati nelle ex province di Udine e Trieste. Nel primo caso ci sono state più di 2.800 nascite (-5,2% in relazione allo scorso anno). Nel capoluogo giuliano, invece, si è visto un crollo dei parti del 6,9 %. Guardando invece il dato regionale, in Friuli le nascite sono state 7mila con una flessione che si attesta sul 4,1%. 

I nati residenti in Italia sono 379mila, con un tasso di natalità pari al 6,4 per mille (era 6,7 per mille nel 2022). La diminuzione delle nascite rispetto al 2022 è di 14mila unità (-3,6%). Dal 2008, ultimo anno in cui si è assistito in Italia a un aumento delle nascite, il calo è di 197mila unità (-34,2%).  La riduzione della natalità riguarda indistintamente nati di cittadinanza italiana e straniera. Questi ultimi, pari al 13,3% del totale dei neonati, sono 50mila, 3mila in meno rispetto al 2022.

indice natalità fvg 2024

In Regione 1,21 figli per donna

Il numero medio di figli per donna in Italia è sceso da 1,24 nel 2022 a 1,20 nel 2023. Una cifra che si avvicina di molto al minimo storico di 1,19 figli registrato nel lontano 1995. In Friuli già alcuni capoluoghi sono andati sotto quella soglia: Udine e Trieste (1,13). Pordenone e Gorizia superano invece la media nazionale con un numero medio di figli per donna rispettivamente pari a 1,28 e 1,42.

Il Trentino-Alto Adige, con un numero medio di figli per donna pari a 1,42, continua a detenere il primato della fecondità più elevata del Paese, sebbene sia tra le regioni con la variazione negativa maggiore rispetto al 2022 (1,51). Seguono Sicilia (1,32) e Campania (1,29).

Nascite vicine ai minimi storici, record di ultracentenari: ecco l'Italia di oggi
 

PordenoneToday è anche su WhatsApp. Iscriviti al nostro canale

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non si ferma il crollo delle nascite a Pordenone: calo dei parti del 2,3% in un anno

PordenoneToday è in caricamento