rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Attualità

In dieci anni sono raddoppiati gli utenti che hanno chiesto un sostegno economico ai Comuni

È il sunto della delibera dell’Assemblea dei sindaci del Noncello con la quale è stata approvata la relazione sociale a consuntivo delle attività del 2023. La pandemia e il rincaro dei costi sono tra le cause dell'aumento della spesa a carico delle amministrazioni di Pordenone, Porcia, Cordenons, Roveredo in Piano, San Quirino e Zoppola.

L'aumento della spesa pubblica per i servizi sociali (minori, anziani, disabilità e inclusione) nel 2023 è stato quantificato in un milione di euro. Il che significa che i costi, rispetto al 2022, sono cresciuti spingendo i Comuni a spendere complessivamente 8.598.940 euro. È quanto emerge dalla delibera dell’Assemblea dei sindaci del Noncello che riunisce le amministrazioni di Porcia, Cordenons, Roveredo in Piano, San Quirino e Zoppola, con il Comune di Pordenone quale ente gestore. La relazione sociale si riferisce le attività realizzate nel 2023 dove spicca l’aumento della spesa a carico dei Comuni, così come si è definito dal 2020 al 2023. A influire, oltre alla crisi pandemica, è stato il complessivo rincaro dei costi, tra cui anche il recente aggiornamento del contratto collettivo delle cooperative sociali. 

A pesare è stato anche l’aumento dell’utenza (627 le persone prese in carico in più rispetto al 2022) e la maggiore complessità dei bisogni di carattere abitativo, sociosanitario, educativo e relazionale. Sul piano finanziario, il bilancio consuntivo 2023 dell’Ambito si è dunque attestato sui 28.852.915,28 euro, con quote importanti per il Fondo autonomia possibile (4.869.677,60) l’abbattimento rette nidi (2.410.354,72), e 14.415,649,16 di spesa finalizzata alla realizzazione di servizi e dei LEPS.

Il report

Gli amministratori hanno espresso preoccupazione per via dell'aumento della spesa esponenziale in relazione alla futura sostenibilità del sistema, sia in termini strutturali che in termini finanziari. Per questo hanno valutato la costituzione di alcuni tavoli di lavoro specifici con i referenti dei servizi finanziari e delle aree professionali dei servizi di ciascun Comune, per avviare un monitoraggio puntuale dei bisogni finalizzato la controllo preciso dei costi.

Se si guardano invece i risultati ottenuti nel lungo periodo si è riusciti a intercettare precocemente le situazioni di fragilità e di bisogno e di costruendo un presidio forte per la comunità. Ciò si evince dall’incidenza dell’utenza rispetto alla popolazione che raggiunge il 7,3%, qualificandosi come uno degli indici più alti in regione.

I dati

Negli ultimi dieci anni è raddoppiato il numero degli utenti che hanno richiesto un sostegno a livello sociale arrivando a 7592 persone prese in carico dai Comuni del Pordenonese. A incidere sulla spesa è soprattutto la fetta della popolazione anziana, spesso in condizioni di fragilità o non autosufficienti. Proprio nelle categorie dedicate agli anziani e alla disabilità si è assistito a un aumento del 25% delle prese in carico rispetto all’anno precedente. Il servizio di assistenza domiciliare rimane un asse portante, con un aumento di 100 unità, mentre le dimissioni protette hanno riguardato 376 persone. Per quanto riguarda invece la richiesta di accesso alle strutture residenziali, 576 persone sono seguite per l’inserimento nella lista unica. Nell’area anziani, inoltre, cominciano purtroppo a emergere anche difficoltà economiche (84 sono stati gli interventi di integrazione al reddito).

Per la fascia degli adulti, il peso si sposta invece sul lavoro precario o povero e sul reddito. Su questo ultimo punto si è assistito a un raddoppio degli interventi di sostegno negli ultimi 5 anni. Una nota positiva è il dato del servizio Orienta Lavoro di cui sono state beneficiarie 372 persone, con 124 percorsi di formazione attivati e 24 assunzioni a tempo indeterminato. 

Si fa invece sentire il problema della casa con un aumento di richiesta di intervento del 21,41 % mentre crescono dell’11,24 % anche le problematiche relative alla disabilità dei minori. 

PordenoneToday è anche su WhatsApp. Iscriviti al nostro canale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In dieci anni sono raddoppiati gli utenti che hanno chiesto un sostegno economico ai Comuni

PordenoneToday è in caricamento