rotate-mobile
Il lieto fine / Pordenone Nord / Via Montereale

Embolia dopo il parto: con un intervento d'urgenza i medici salvano madre e bambino

Ci sono volute tre operazioni chirurgiche per salvare la donna e il figlio, grazie al supporto fondamentale dell'equipe medico dell'ospedale di Pordenone

Tre interventi chirurgici. Il tempo che scorre. Due vite appese a un filo e salvate dai medici dell'ospedale di Pordenone. Dopo due mesi di ricovero nel reparto di ostetricia, madre e figlio sono tornati a casa dove ad attenderli c'erano gli altri tre figli. 

La gravidanza all'inizio non ha presentato alcun tipo di complicazione. Ma al momento del parto è stato necessario un taglio cesareo in emergenza. La pressione arteriosa scende improvvisamente fino a che il cuore ha smesso di battere. La squadra, a quel punto, si è subito messa al lavoro con massaggio cardiaco, fluidi, inotropi, defibrillatore, e ventilazione. Un primo intervento che va a buon fine in attesa della diagnosi.  

Si è scoperto che la madre ha avuto una embolia da liquido amniotico. Una complicanza che può verificarsi da 2 a 6 volte ogni 100.000 gravidanze. Il liquido amniotico entra in circolo durante il travaglio o il parto e causa una ostruzione dei vasi polmonari. Se non riconosciuta il rischio che la donna e il neonato muoiano è molto alto. Fino al 60% dei casi per la gravida. Con un rischio di disabilità neurologica che supera il 10% nelle sopravvissute. 

L'equipe, formata da ginecologi, ostetriche, rianimatori, cardiologi, radiologi, cardiologi, infermieri, ha operato in piena sinergia avendo a disposizione tutti gli strumenti per poter intervenire in maniera rapida ed efficace. Nel caso del bambino ci ha pensato l'equipe della neonatologia. La donne è stata invece sottoposta a tre interventi chirurgici ed è stata trasferita al reparto di rianimazione fino a quando non si è ripresa definitivamente. 

«Alla fine – affermano Roberto Dall’Amico Direttore del Dipartimento Materno Infantile di ASFO e la Dott.ssa Maria Maddalena Casarotto, Responsabile della S.S. Degenza ostetrica, è una bella storia da raccontare con mamma e bambino restituiti alla vita. E una gioia immensa, impossibile da descrivere, per chi lavora perché questo accada». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Embolia dopo il parto: con un intervento d'urgenza i medici salvano madre e bambino

PordenoneToday è in caricamento