rotate-mobile
Venerdì, 23 Febbraio 2024
il bilancio

Crescono i pensionati Cisl: oltre 1.100 nuovi iscritti

Consiglio generale per il movimento sindacale

La Federazione nazionale pensionati Cisl di Pordenone ha riunito il Consiglio Generale per il consueto scambio augurale ma anche per presentare a tutti il bilancio annuale. Invitati a questo incontro oltre ai pensionati anche tutti gli operatori dei servizi INAS e CAF e i loro responsabili.
E proprio grazie a questi servizi il sindacato ha tesserato 1.105 associati nel 2023. 

Il segretario Davide Battiston nella sua relazione ha sottolineato che «con il 2024 oltre una ventina le nuove persone che si aggiungono alle oltre 200 che già operano con noi in tutto il territorio grazie anche a loro. Un’analisi sulla situazione politica ed economica del nostro paese mette in evidenza i problemi che ci attanagliano dipendono da tutti non solo da una parte del paese. Una critica allargata sulla quantità di bonus elargiti a tutti risorse polverizzate in regalie che non risolvono i problemi anzi insinuano nei cittadini l’idea che si può vivere senza lavorare. Noi invece siamo convinti che la povertà si può abbattere solo con il lavoro non con le regalie. Sulle pensioni e sulla sanità dobbiamo aprire gli occhi…sulla sanità va detto chiaramente che la responsabilità non è dell’attuale governo…risale a tempi antichi. Abbiamo il paese con più avvocati al mondo e non riusciamo ad avere il numero di medici adeguato a salvare le persone nelle emergenze. L’adeguamento delle pensioni al costo della vita resta per molti solo una promessa elettorale, così come una tassazione che non penalizzi i redditi medio bassi, questi sono i temi che nei territori e con il governo la FNP CISL e la CISL continueranno il proprio impegno».

fnp-cisl-2

«È evidente - ha proseguito Battiston - l’assenza di programmazione in questo paese, è evidente l’assenza di gruppi dirigenti in grado di risolvere i problemi. Non possiamo solo portare in giro le bandierine rosse, blu o verdi che siano, serve avere nuovamente il contatto con le persone. Un forte richiamo anche alla nostra azione sindacale a tutti i livelli locali e nazionali. Su vari temi non possiamo sempre rincorrere un ideale o un’ideologia che non funziona più. Noi, CISL, siamo il sindacato con le porte aperte che significa predisposizione a discutere sul merito, sulle scelte da fare con chiunque si trovi al governo. Venendo a noi alla nostra realtà territoriale abbiamo fatto un grande lavoro un risultato che si è tradotto nel risanamento economico dell’organizzazione FNP-CISL siamo partiti sei anni fa da un bilancio privo di liquidità che non ci permetteva nemmeno il rimborso delle spese vive siamo arrivati oggi grazie al lavoro di tutti ad avere la possibilità economica di fare investimenti, rinnovare le sedi, abbiamo creato 80 postazioni informatiche per dare a tutti la possibilità di lavorare a sostegno dei lavoratori e pensionati. Abbiamo allestito un sistema di telefonia di ultima generazione che grazie “all’esercito” di volontari sul territorio ha permesso un altissimo numero di contatti e uno altrettanto impressionante di telefonate». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crescono i pensionati Cisl: oltre 1.100 nuovi iscritti

PordenoneToday è in caricamento