Domenica, 21 Luglio 2024

Al Pordenone Blues Festival il sound graffiante dei Rival Sons

La band californiana ha dato il via all'evento più atteso della stagione. Questa sera è il turno dei placebo

Un inizio scoppiettante al Pordenone Blues Festival. E non poteva essere altrimenti vista la presenza dei più grandi artisti della scena rock internazionale. A salire sul palco alle 21:30 un quartetto californiano di Long Beach: i Rival Sons. Il gruppo americano non ci ha messo molto a trasferire la sua energia al pubblico del parco San Valentino. Il tempo di indossare la chitarre, a caldare mani e piedi con le bacchette, e il concerto parte con Mirrors, uno dei brani presenti nell’ultimo album,  Darkfighter. 

L’energia cresce, il pubblico si scalda. La band è inarrestabile. Per un’ora e mezza di concerto l’hard rock degli anni ‘70 si è ripresa la scena alternando i brani più conosciuti e quelli presenti nel loro ultimo disco.

La rock blues band è ormai di casa in Italia e in Friuli Venezia Giulia. Dopo il tutto esaurito all’Alcatraz di Milano lo scorso ottobre, è tornata al Pordenone Blues & Co. Festival dopo il concerto del 2019 con Eric Sardinas e Joanna Connor.  La band, che vede alla voce Jay Buchanan, alla chitarra Scott Holiday, al basso David Baste e alla batteria Mike Miley, è stata di parola. Doveva essere uno show di pura adrenalina, spaziando dal blues rock all’hard rock. E lo è stato di fronte a migliaia di persone con Do Your Worst, Open my eyes, Thundering Voices ed Electric Man. 

Jay Buchanan ha ringraziato il pubblico di Pordenone che, nel dedicare il tempo l’attenzione ai gruppi storici ed emergenti da tutto il mondo,  continua ancora oggi a sostenere la musica dal vivo. C’è stato inoltre un momento toccante nel corso del concerto. Il frontman dei Rival Sons, dopo che la band ha lanciato il palco, nell’intermezzo ha preso la chitarra proponendo la versione acustica di Shooting Stars. Un brano malinconico preceduto da un discorso contro la guerra in Ucraina, e il conflitto israelo-palestinese a seguito dei fatti del 7 ottobre e degli attacchi a Gaza.  
 

PordenoneToday è anche su WhatsApp. Iscriviti al nostro canale

Video popolari

PordenoneToday è in caricamento