rotate-mobile
Sanità / Comina alta / Viale Montereale

Radiologia in un limbo, Asfo rassicura sui ritardi del bando: "Nessuna confusione, l'azienda ha le idee ben chiare"

La risposta a Honsell: "Le prestazioni continueranno a essere erogate fino a quando il processo di riqualificazione del reparto non sarà completato"

Dopo il caso del reparto di Ostetricia, il consigliere regionale di Open Sinistra Fvg, Furio Honsell, ha espresso la sua preoccupazione sulla situazione legata al servizio radiologico negli ospedali di Pordenone, Spilimbergo e San Vito. "Dopo una serie di annunci e promesse - afferma il consigliere - il bando per l'esternalizzazione di questi servizi appare misteriosamente in un limbo, suscitando preoccupazioni e interrogativi tra i cittadini e gli operatori del settore sanitario. Evidenzio la confusione che sta caratterizzando questo processo di esternalizzazione, soprattutto alla luce dei continui rinvii della scadenza del bando".

Secondo Honsell "la motivazione fornita per il rinvio ripetuto del bando appare insoddisfacente" sostenendo che non c'è stata al momento una  "spiegazione adeguata sullo stato attuale del processo di gara". Oltre ad aver chiesto "maggiore trasparenza da parte di Asfo circa il numero di offerte ricevute e su eventuali risposte in attesa", ha esortato  l'assessore regionale Riccardi e il presidente della III Commissione consiliare  "a fornire spiegazioni dettagliate sulla situazione attuale e a garantire che il servizio radiologico non venga compromesso". 

La replica dell'Asfo

L'azienda sanitaria ha replicato all'interrogazione presentata da Honsell in merito alle proroghe della scadenza del bando di esternalizzazione dei servizi di radiologia. "Le risposte a tali interrogativi sono esplicitate, in maniera assolutamente trasparente, negli atti di gara pubblicati nella apposita pagina del sito internet aziendale relativo alle gare".

L'Asfo parla in questo caso di una procedura complessa che rappresenta una prima esperienza
nell’ambito del sistema sanitario regionale. "Proprio per questo motivo - prosegue la nota - le necessità di chiarimenti formulate dagli operatori economici interessati sono state numerose, per la precisione 17". Proprio per consentire a tutti gli enti di avere tutte le informazioni in modo da formulare correttamente le loro offerte, si è scelto di concedere un ulteriore lasso di tempo a tutela dell’interesse pubblico. 

Asfo punta dunque a "una riqualificazione complessiva della funzione aziendale di radiologia".  Un cambiamento che riguarderà "la revisione degli spazi destinati al servizio di radiologia; l’ammodernamento del parco tecnologico; la concentrazione in un’unica sede di tutta l’attività di emergenza notturna; la proposizione di “pacchetti” di prestazioni omogenei. 

"Si tranquillizza pertanto il consigliere Honsell sul fatto che l’Azienda ha le idee ben chiare sul da farsi e che tale processo non è caratterizzato dalla confusione da lui paventata" conclude l'Asfo che assicura che Le prestazioni continueranno a essere erogate fino a quando il processo di riqualificazione del reparto non sarà completato. "La scadenza per la presentazione delle offerte è fissata al 4 aprile. Dopo tale data sarà possibile conoscere il numero degli Operatori Economici partecipanti e si avvierà la fase di valutazione delle offerte".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Radiologia in un limbo, Asfo rassicura sui ritardi del bando: "Nessuna confusione, l'azienda ha le idee ben chiare"

PordenoneToday è in caricamento