rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
l'idea / Centro Storico

Da rovi e ruderi a ostello: come cambierà l'area Tomadini

Presentato il progetto per la riqualificazione dell'ex pastificio, abbandonato e inaccessibile da decenni

È una zona centralissima della città, inaccessibile da decenni ai pordenonesi, ma sta per essere restituita. L’area dell’ex pastificio Tomadini è stata acquisita dal Comune con fondi regionali e c’è un progetto per riportala a nuovo. 
Qui, oltre al pastificio c’è una villa, e il progetto di recupero parte dai limiti dati dalla zona: siamo a pochi metri dal Noncello per il pericolo di esondabilità è vietato costruire qualsiasi tipo di struttura al piano terra.

pastificio tomadini 2-2-2

Secondo il progetto di fattibilità tecnico-economica presentato in Comune, sarà realizzata un’area dedicata al turismo lento, con un ostello per ciclisti con 39 posti letto, officina per le bici, servizi per la ristorazione più uno spazio dedicato alla formazione e un’aula magna. 
Sarà un impianto “sollevato” da terra, e indipendente a livello energetico: oltre ai pannelli fotovoltaici sul tetto avrà un impianto geotermico.

L’amministrazione Ciriani punta alla collaborazione tra pubblico e privato e per veder nascere questa struttura serviranno otto milioni di euro che dovranno arrivare dalle tasche di qualche imprenditore interessato a investire.
Il Comune potrebbe farsi carico di parte della spesa se dovesse riuscire a intercettare fondi europei.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da rovi e ruderi a ostello: come cambierà l'area Tomadini

PordenoneToday è in caricamento