rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024

No agli smartphone ai ragazzi fino a 12 anni: l’esperimento alla scuola Collodi

L’iniziativa, in collaborazione con l'associazione Mec, prende spunto dal modello già presente a Gemona

È di qualche giorno fa la circolare pubblicata dal ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara. Una guida dove sono presenti tutte le indicazioni sull’utilizzo dei telefoni in aula. Eppure c’è chi è riuscito ad andare oltre come una scuola primaria di Pordenone. Un’intesa che vede la dirigenza, i docenti e i genitori uniti e con lo stesso obiettivo: vietare lo smartphone ai bambini. Fino al compimento dei 12 anni i ragazzi che frequentano le classi dell’istituto Collodi in via Molinari non potranno acquistare un cellulare prendendo spunto da quanto già realizzato a Gemona. È un caso più unico che raro perché l’obiettivo, come ci hanno raccontato gli stessi genitori, non è di limitare l’uso della tecnologia a scuola, bensì di aumentare la soglia di consapevolezza verso questi strumenti. Grazie al supporto dell'associazione Mec si è arrivati dunque a un patto trasversale che coinvolge sia le istituzioni (la scuola e i docenti) che le famiglie, puntando a una scuola “smartphone free” e allo stesso tempo più attenta alla crescita e alla formazione degli studenti. 

La circolare

Proprio due giorni fa il ministro ha emanato in questi giorni una circolare dove sono presenti tutte le indicazioni sull’utilizzo degli smartphone a scuola. In realtà, non è nulla di nuovo, dal momento che già in passato l’ex ministro Fioroni aveva tracciato alcune linee guida legate ai dispositivi in classe. 

«L’uso del cellulare e di altri dispositivi elettronici rappresenta un elemento di distrazione sia per chi lo usa che per i compagni, oltre che una grave mancanza di rispetto per il docente», si legge nella nota del 2007 che lascia completa libertà agli istituti di scegliere la sanzione più opportuna. La circolare di oggi non fa che confermare quanto già stabilito in passato, con le dovute eccezioni che dovranno avere il consenso del docente: per finalità inclusive, didattiche e formative. 

Si parla di

Video popolari

No agli smartphone ai ragazzi fino a 12 anni: l’esperimento alla scuola Collodi

PordenoneToday è in caricamento