rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
cronaca

Commerciava carni senza autorizzazioni, multato per 10 mila euro

Sezionava la merce senza poterlo fare e la consegnava alle attività commerciali: fermato dalla polizia locale a Monfalcone

La polizia locale di Monfalcone, in collaborazione con l'azienda sanitaria locale ha sanzionato un'azienda pordenonese che trasportava cibo per consegnarlo senza avere alcuna certificazione. 
Nell’ambito di un’operazione tenutasi nei giorni scorsi all’interno di un'impresa alimentare del centro della città in provincia di Gorizia, il personale preposto al controllo ha proceduto alla verifica ispettiva e documentale del furgone che stava consegnando della carne all’esercente, un cittadino di nazionalità bengalese, al fine di verificare la liceità del trasporto e della provenienza gli alimenti.
Dagli accertamenti è stato riscontrato che l’impresa che aveva effettuato il trasporto, con sede in provincia di Pordenone, effettuava anche il sezionamento della carne, attività per la quale risulta necessario possedere il riconoscimento del bollo CE da parte del Ministero della Salute; riconoscimento che la ditta non aveva mai ottenuto.
Gli operatori hanno quindi proceduto alla contestazione della violazione del Regolamento 853 del 2004 - che stabilisce norme specifiche in materia di igiene per gli alimenti di origine animale - comminando alla ditta una sanzione di 10 mila euro.

«Abbiamo avviato le attività di controllo congiunto con l’Azienda Sanitaria per tutelare i cittadini e le aziende che lavorano rispettando le regole», commenta la sindaca di Monfalcone, Anna Maria Cisint.
«Mettere in commercio alimenti pur essendo sprovvisti delle relative certificazione costituisce una violazione molto grave, non solo per quanto concerne la regolarità documentale, ma soprattutto perché rappresenta un forte pericolo per la salute dei consumatori. In ambito alimentare esistono normative stringenti che gli esercenti sono tenuti a rispettare e noi, grazie al lavoro della Polizia locale e dell’Azienda Sanitaria, continueremo a verificare che ciò accada», conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commerciava carni senza autorizzazioni, multato per 10 mila euro

PordenoneToday è in caricamento