rotate-mobile
il caso / Centro Storico / Via Mazzini

Degrado in via Mazzini «tra rifiuti e preservativi usati»: la denuncia dei commercianti

Protestano gli esercenti che ogni giorno trovano i residui della notte precedente

I commercianti di via Mazzini non ce la fanno più. Ogni mattina, da diverso tempo, si trovano costretti a pulire la strada e le vetrine delle attività, sporcate durante la notte. Una situazione di degrado che si protrae da tempo e che gli esercenti non tollerano più. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è il ritrovamento di un preservativo usato tra via Mazzini e via Damiani, davanti all'osteria "Il calice d'oro". 
Ad aprire il fronte di protesta sono i titolari di Kinky (Elena Ros), Calice d'oro (Luisa Trovato e Carlo Maria Trovò) e La Calzolaia Coan (Federica Coan). 

cocci-bottiglia

«In Via Mazzini la notte si fa festa - scrivono - e noi commercianti siamo stufi. Stufi di trovare ogni mattina bottiglie rotte davanti alle porte delle nostre attività,stufi dei rifiuti vari e delle cicche buttate per terra. Siamo stufi della totale maleducazione che regna e della trascuratezza. Le gente deve iniziare a usare i bidoni, che sono a cinque metri». 

«Il preservativo usato e pieno davanti alla porta del Calice D'Oro - tuonano i commercianti - è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Se ci sono le telecamere del Comune, come ci è stato detto, iniziate ad accenderle. Faremo una segnalazione ufficiale alla Gea e al Comune. Esercenti e residenti sono al limite della pazienza - concludono - chi di dovere faccia qualcosa vista la situazione che ci troviamo anche a livello di frequentazione della via».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Degrado in via Mazzini «tra rifiuti e preservativi usati»: la denuncia dei commercianti

PordenoneToday è in caricamento