cronaca / Aviano

Aviano, denunciato un pakistano per estorsione

Vittima un connazionale che aveva ospitato nella sua abitazione

I Carabinieri di Aviano hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Pordenone il 34enne K.M.I. pakistano residente ad Aviano, già gravato da precedenti di polizia, per il reato di estorsione.
In particolare, verso la metà dello scorso mese di maggio un cittadino pakistano ha denunciato un’estorsione da parte di un connazionale di cui era ospite sino al giorno prima in un appartamento di Aviano.
Dall’attività condotta dai militari, è emerso che il cittadino pakistano è stato ospitato da un connazionale in maniera irregolare per circa sette mesi e l’ospitante, non soddisfatto del compenso ricevuto in cambio, lo ha prima minacciato con un coltello da cucina e poi si è impossessato della sua bicicletta elettrica del valore di 1000 euro con la minaccia che, qualora non avesse ricevuto il corrispettivo di 7 mesi di affitto, l’avrebbe venduta e si sarebbe tenuto i soldi. La parte offesa, dal canto suo, affermava che gli accordi con il suo connazionale erano diversi e pertanto ha ritenuto dover denunciare i fatti.
I militari di Aviano hanno proceduto ad attività di perquisizione con delega della Procura di Pordenone nell’abitazione del presunto estorsore e di altri luoghi nella sua disponibilità rinvenendo la bicicletta in questione.
Gli accertamenti hanno fatto emergere anche delle irregolarità in ordine alle comunicazioni di legge in merito all’ospitalità di cittadini stranieri regolari e sono in corso per tramite gli uffici competenti del Comune di Aviano anche verifiche sull’abitabilità dell’immobile, considerate le  precarie condizioni in cui si presentava l’abitazione all’arrivo dei carabinieri. 
K.M.I., oltre a essere già stato iscritto nel registro degli indagati della Procura della Repubblica di Pordenone, è stato anche proposto per l’applicazione della misura di prevenzione dell’Avviso Orale con istruttoria inviata alla Questura di Pordenone. A verifiche ultimate gli verrà anche contestata la violazione per non aver comunicato l’ospitalità del connazionale.
Nelle ultime settimane sono stati, inoltre, aumentati i controlli finalizzati al contrasto delle violazioni inerenti la normativa sulle sostanze stupefacenti anche grazie all’ausilio di unità cinofile antidroga. Medesimi controlli sono stati effettuati anche per contrastare l’abuso di sostanze stupefacenti: a seguito del possesso di alcolici da parte di minori è stata contesta a un supermercato di Aviano la violazione di legge che prevede il divieto di vendita ai minori di anni 18, nel caso di specie di tipo amministrativo pari a euro 333 poiché il soggetto aveva un’età compresa tra i 16 e 18 anni.

PordenoneToday è anche su WhatsApp. Iscriviti al nostro canale

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aviano, denunciato un pakistano per estorsione
PordenoneToday è in caricamento