rotate-mobile
la battaglia / Centro Storico

Ex fiera, i comitati non mollano. Rimossi da ignoti striscione e cartelli

Flash mob sotto i tigli: gli attivisti continueranno la raccolta fondi per le spese legali

Aspettano la sentenza del Tribunale amministrativo regionale e intanto non si fermano. Si sono trovati in 150 sotto i tigli dell'ex fiera che stanno cercando di salvare. 
Gli attivisti di Legambiente e dei comitati il Tiglio verde e Campetto open run, proseguono nella loro battaglia anche in questi giorni di purgatorio, sospesi in attesa di sapere cosa decideranno i giudici a Trieste. 
La raccolta fondi che hanno lanciato ha permesso di raccogliere 16.500 euro, che sono serviti per presentare ricorso contro il Comune di Pordenone nel merito del progetto di riqualificazione dell'ex fiera, che prevederebbe il taglio di una cinquantina di alberi. 
Il crowdfunding continuerà ma servirà una cifra ben più alta per andare avanti con i tribunali nel caso di sentenza contraria. Il ricorso al Consiglio di Stato costerebbe 23 mila euro. 

Lo striscione sparito 

Il flash mob è iniziato con il caso dello striscione. Da tempo era appeso alla recinzione del giardino della scuola Collodi (una fetta di questo sarà eliminata per far spazio alle nuove strutture), così come tanti cartelli appesi agli alberi. È sparito tutto e la cosa non è passata inosservata. 
«La sentenza ancora non c'è ma hanno portato via striscione e cartelli. Un gesto meschino e arrogante», ha sottolineato Luigina Perosa. 
Al flash mob sono stati attaccati dei nuovi cartelli. Anche questi rimossi il giorno dopo, il primo febbraio. 

Il fronte comune

Per non disperdere quanto fatto finora e, anzi, avere più forza, i comitati hanno deciso di entrare in contatto con attivisti che stanno combattendo battaglie ambientaliste nelle altre città d'Italia. Il caso di Pordenone, intanto, ha già creato un piccolo caso: è il primo caso di sospensiva in Italia su un tema del genere. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex fiera, i comitati non mollano. Rimossi da ignoti striscione e cartelli

PordenoneToday è in caricamento