rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
cronaca

Filippo Turetta davanti ai giudici: ci sono due opzioni

Il giovane accusato dell'omicidio di Giulia Cecchettin sarà ascoltato nell'interrogatorio di garanzia

È arrivato il giorno decisivo per Filippo Turetta, il 21enne accusato dell'omicidio dell'ex fidanzata Giulia Cecchettin. Per oggi, 28 novembre, è previsto l'interrogatorio di garanzia davanti alla giudice per le indagini preliminari, Benedetta Vitolo e al pubblico ministero Anrea Petroni. 
Ci sono due possibilità per questo interrogatorio: da un lato Turetta potrebbe avvalersi della facoltà di non rispondere e fare eventuali dichiarazioni spontanee, posticipando così un botta e risposta con i magistrati riguardo un'eventuale premeditazione dell'omicidio e della fuga. Un dettaglio fondamentale, perché la premeditazione potrebbe essere l'aggravante in grado di costargli la condanna all'ergastolo. 
In caso contrario potrebbe già raccontare la sua versione agli inquirenti. 

Intanto il legale del giovane, Giovanni Caruso, ha già fatto la prima mossa. Ha annunciato infatti di non voler ricorrere al tribunale del Riesame per chiedere l'attenuazione della misura cautelare in carcere e quindi gli arresti domiciliari. Possibilità che sarebbe stata comunque remota considerando gli elementi in mano agli inquirenti. 

Turetta al momento si trova nella sezione di infermeria psichiatrica del carcere di Montorio, nel Veronese. È la stessa sezione in cui si trova Benno Neumar, in carcere per aver ucciso i genitori e aver buttato i loro corpi nel fiume Adige.Il giovane accusato dell'omicidio di Giulia Cecchettin sarà successivamente trasferito nella sezione dei "sex offender". 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Filippo Turetta davanti ai giudici: ci sono due opzioni

PordenoneToday è in caricamento