rotate-mobile
Viabilità / Clauzetto

Frana a Clauzetto, Amirante: «I lavori sulla strada sono a buon punto»

L'assessore aggiorna sulla situazione della ex provinciale 22 della Val Cosa, tra Castelnovo del Friuli e Clauzetto, chiusa al traffico dopo che si è formata una frana lo scorso mese di novembre

Proseguono i lavori  lungo la ex provinciale 22 della Val Cosa, tra Castelnovo del Friuli e Clauzetto. La strada è al momento chiusa al traffico dopo che si è formata una frana a seguito del maltempo che colpito la montagna Pordenonese. L'assessore regionale alle Infrastrutture e Territorio, Cristina Amirante, ha fatto il punto sulla situazione dopo che le ultime precipitazioni hanno provocato disagi e ritardi. «Riguardo i lavori sulla strada che porta a Clauzetto la realizzazione del tombotto è stata ormai completata. L'opera consentirà ora di allontanare le acque che ruscellano in prossimità del ponte. È stata, inoltre, realizzata ex novo la fondazione stradale».

L'assessore ha specificato che in questo momento «è necessario rimuovere circa mille metri cubi di terreno al fine di realizzare alcune canalizzazioni, in modo che l'acqua piovana possa essere convogliata nel realizzato tombotto. Ovviamente, viste le previsioni di maltempo con la perturbazione in essere nel fine settimana, l'impresa in questi giorni ha interrotto i lavori. Pertanto, serviranno ancora una decina di giorni, dal momento in cui smetteranno le piogge, per riprendere le attività di cantiere in sicurezza».

La situazione a Clauzetto è sotto controllo ed è continuamente monitorata. «Si attende il ritorno del bel tempo per il riavvio dei lavori e la successiva riapertura della strada - conclude Amirante. - I semafori garantiranno la viabilità in sicurezza, vista anche la presenza dei sensori in grado di monitorare la costante evoluzione della situazione. Alcuni di questi strumenti sono già stati collocati, altri saranno sistemati a fine lavori».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frana a Clauzetto, Amirante: «I lavori sulla strada sono a buon punto»

PordenoneToday è in caricamento