rotate-mobile
musica

È il giorno di Garage Pordenone, decimo album dei Tre Allegri Ragazzi Morti

La band festeggia i 30 anni di attività

Il 12 aprile 2024 è il giorno di "Garage Pordenone", il nuovo album dei Tre Allegri Ragazzi Morti: il decimo lavoro in studio del trio mascherato che da 30 anni coniuga con maestria rock e fumetto. 
Online anche il video di “Mi piace quello che è vero”, focus track e terzo estratto dal disco: un rocksteady che riflette la realtà, evitando qualsiasi forma di retorica e mantenendo il ritmo autentico della musica giamaicana, una delle passioni del gruppo pordenonese.
Il videoclip, con la regia di Stefano Poletti, presenta i Tre Allegri Ragazzi Morti immersi in quadri visivi che si fondono con elementi naturali, rappresentando la verità che ci circonda: dal volo speranzoso di una piccola coccinella alla maestosità di una montagna che sfida le nuvole nel cielo, le immagini legano perfettamente testo e musica, invitando ad accorgersi della bellezza immensa e misteriosa della natura, che trascende l'intelletto umano. 

“Garage Pordenone” richiama dal passato la leggendaria Rock City friulana degli anni '80 da cui la band proviene (Pordenone, appunto) evocando la poetica della provincia italiana; ma, come mostra il retro della copertina (per la prima volta una fotografia), si riferisce a un luogo reale, un garage con questo nome situato a Milano, cuore pulsante del mercato musicale italiano. Nessuna nostalgia dunque, ma un disco che guarda inesorabilmente al futuro della rock band che in questo 2024 compie 30 anni. 

Tra filastrocche punkeggianti, ballate acustiche, racconti wave, dichiarazioni esistenziali su ritmi rocksteady e una chiusura con un brano di “musica concreta” con interprete principale un merlo, i protagonisti di queste storie sono sempre i Tre Allegri Ragazzi Morti (e noi con loro), nell’esorcismo ad alto volume contro le stortezze del mondo. 

L’album vede la collaborazione di musicisti e di un produttore speciali. Fra le tracce dell’album appaiono le chitarre di Adriano Viterbini, Marco Gortana, Matteo Da Ros; le mani in scrittura di Alex Ingram, Andrea Maglia e Wilson Wilson; alla regia di questo fiume creativo la produzione di Paolo Baldini, che ha segnato alcuni importanti dischi precedenti del trio pordenonese come “Primitivi del futuro” (2010) e “Nel giardino dei fantasmi” (2012). Dubmaster di fama mondiale, Baldini, per questo album, si è messo al servizio del rock, fatta eccezione per il brano "Mi piace quello che è vero", unico episodio rocksteady. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

È il giorno di Garage Pordenone, decimo album dei Tre Allegri Ragazzi Morti

PordenoneToday è in caricamento