rotate-mobile
il caso / Casarsa della Delizia

Casarsa, in paese spunta una moschea abusiva

Viavai di fedeli in un locale in cui in passato c'era la bottega di un calzolaio

Il piccolo locale commerciale di Casarsa della Delizia, che una volta era un calzolaio, ha le vetrate coperte di carta. La vecchia bottega è in uso a un'associazione culturale ma nel tempo è diventato un centro di preghiera, una moschea ma senza autorizzazioni. 
Siamo in una piazza a pochi metri dalla stazione ferroviaria. Ed è qui, secondo quanto riporta Il Gazzettino, che negli ultimi tempi si è visto un traffico crescente di fedeli che vengono a pregare nei vari giorni della settimana. 
Nel giorno della preghiera dei musulmani, il venerdì, invece si recano tutti a Pordenone in uno dei due luoghi dove gli islamici della provincia si ritrovano: il centro della Comina oppure la chiesa dei mormoni, data in concessione agli "scissionisti" (pakistani, bengalesi e africani subsahariani) che si stanno staccando dal nucleo principale dell'associazione religiosa, al cui vertice ci sono fedeli nordafricani.  

PordenoneToday è anche su WhatsApp. Iscriviti al nostro canale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casarsa, in paese spunta una moschea abusiva

PordenoneToday è in caricamento