rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Cronaca / Maniago

Operaio morto schiacciato da una gru: condannati gli imprenditori

Gli imputati erano accusati di omicidio colposo. Assolta l'azienda perché il fatto non sussiste

Gli imprenditori dell'impresa Officine meccaniche Norio sono stati condannati per l'incidente sul lavoro che ha provocato la morte di Nevio Bruna, operaio di 46 anni di Maniagolibero. L'uomo rimase schiachiato da una gru il 15 aprile 2019. Ieri, nel corso dell'udienza che si è tenuta al tribunale di Pordenone il magistrato ha contestato ai titolari dell'azienda il reato di omicidio colposo. A Corrado Norio è stata inflitta una condanna a un anno e quattro mesi. Pena più lieve (un anno) invece per Michele Norio. Il giudice Francesca Vortali ha assolto l'impresa perché il fatto non sussiste. 

Stando alle ricostruzioni dei fatti l'uomo è stato travolto dal braccio meccanico. La macchina, secondo l'accusa, non era ancorata al suolo, e dopo essersi inclinanta si è rovesciata colpendo l'operaio. La difesa, invece, ha sostenuto che anche con le richieste di modifiche - a cominciare dalla piastra circa 200 kg usata per aggiungere peso al macchinario - la dinamica avrebbe comunque portato al rovesciamento della gru. Da una consulenza effettuata da alcuni esperti si è infine escluso che l'incidente sia stato causato dal carico spostato dal braccio meccanco dato che sarebbe intervenuto  il blocco automatico all'epoca funzionante. Un meccanismo utile nel caso in cui il peso fosse stato eccessivo per il macchinario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio morto schiacciato da una gru: condannati gli imprenditori

PordenoneToday è in caricamento