rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Cronaca

In esilio a Pordenone dopo una condanna per abusi sessuali su minore: don Ruggeri torna a Fano

Nell'estate del 2012 fu beccato mentre abusava di una 13enne della parrocchia a Orciano. Denunciato dal bagnino, la polizia aveva filmato le effusioni utilizzando delle telecamere nascoste.

Tonerà a Fano don Giacomo Ruggeri, condannato in via definitiva a un anno e 11 mesi di reclusione per abusi sessuali su una ragazza di 13 anni. Il prete si trovava a Pordenone dal 2015, ospitato in un seminario dove ha ricoperto l'incarico di sacerdote della diocesi di Concordia. In quell'occasione è stato nominato guida di esercizi spirituali, impegnandosi nella formazione teologica. Membro del Consiglio nazionale della FIES - Federazione Italiana Esercizi Spirituali, è stato anche collaboratore pastorale nell’U.P. di Spilimbergo, mantenendo i precedenti incarichi. 

Lo scandalo 

Don Giacomo Ruggeri è stato accusato di pedofilia nel 2012 quando fu sorpreso a commettere degli abusi sessuali su una 13enne della parrocchia a Orciano. Lo scandalo, avvenuto sulla spiaggia di Torrette, diventò di dominio pubblico. La denuncia è partita dal bagnino testimone delle effusioni con la minore. Il sacerdote è stato arrestato il 13 luglio dopo che la polizia in borghese era riuscita a filmarlo in due diverse occasioni servendosi delle telecamere nascoste.

Don Ruggeri all'epoca era direttore dell'Ufficio comunicazioni sociali e della web tv della Diocesi oltre a essere assistente spirituale delle Scout Scolte. Dopo essere stato scarcerato, ha passato un periodo in un convento per poi trasferirsi a Perugia dove si è occupato della gestione della biblioteca della diocesi. Il gup di Pesaro, riporta PerugiaToday, ha accolto la richiesta dell'avvocato Gianluca Sposito rimuovendo il divieto di dimora a Orciano e di avvicinamento alla persona offesa, ovvero la 13enne. 

La tredicenne, sentita dal Gip il 2 agosto 2012 con il supporto di una psicologa aveva parlato di un rapporto privilegiato con il sacerdote, anche se ha più volte sostenuto di aver voluto sottrarsi alle sue attenzioni.

Il sacerdote è stato condannato in primo grado a due anni e sei mesi. Una pena che è stata ridotta in appello a un anno, undici mesi e dieci giorni di reclusione. Ha scontato quattro mesi ai domiciliari per poi essere trasferito alla diocesi di Concordia - Pordenone. Dopo 9 anni passati nel Friuli occidentale, don Giacomo Ruggeri tornerà a Fano. Come riportato da Il Resto del Carlino ciò accadrà intorno ai primi giorni di giugno, anche se resta ancora da stabilire il ruolo che coprirà all'interno della curia una volta tornato nella sua terra di origine.

PordenoneToday è anche su WhatsApp. Iscriviti al nostro canale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In esilio a Pordenone dopo una condanna per abusi sessuali su minore: don Ruggeri torna a Fano

PordenoneToday è in caricamento