rotate-mobile
Lunedì, 4 Marzo 2024
Cronaca

Traffico di droga, il testimone si rifiuta di parlare: scarcerato l’imputato

L'imprenditore sloveno torna in libertà dopo quattordici mesi in carcere

Un imprenditore sloveno torna libero dopo quattordici mesi di custodia cautelare in carcere. A stabilirlo è stato il tribunale di Pordenone che, dopo quarantotto ore di accertamenti, ha emesso l'ordine di scarcerazione per il titolare di un'azienda trasporti accusato di aver comprato 600 chilogrammi di cocaina.   

Come riporta il Gazzettino, doveva essere sentito uno dei testimoni chiave del caso portato avanti dalla Direzione distrettuale antimafia di Trieste: un autista già condannato a 5 anni e 4 mesi per aver trasportato la droga in un magazzino a Fossalta di Portogruaro. L'uomo, diretto a Pordenone dopo aver fatto tappa a Latisana e nel veneziano, è stato poi arrestato dalla polizia a Monterotondo. Il conducente ha sostenuto di aver seguito le istruzioni del titolare che oggi è sotto accusa per aver acquistato la cocaina. 

Il testimone, dopo essere stato preso a bastonate in carcere a Trieste con lesioni guaribili in 20 giorni, è stato trasferito in un altro centro di detenzione a Cremona. L'uomo, presente in auto, si è rifiutato di rispondere ai giudici del tribunale di Pordenone. Non avendo confermato quanto dichiarato agli inquirenti, sono mancati così i gravi indizi per giustificare la misura cautelare. Per questo motivo l'imputato è stato liberato. 

Da Trieste il più grande sequestro di cocaina di tutti i tempi, durissimo colpo ai narcos
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico di droga, il testimone si rifiuta di parlare: scarcerato l’imputato

PordenoneToday è in caricamento