rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
L'INIZIATIVA

Confindustira: corsi di italiano tecnico per far lavorare i profughi ucraini

Percorsi dedicati per facilitare l'ingresso nelle fabbriche a chi è scappato dalla guerra

Per agebolare l'ingresso nel mondo del lavoro, e in particolare nelle fabbriche, dei profughi ucraini, Confindustria Alto Adriatico ha organizzato un corso ad hoc. 

Si tratta di un percorso di 60 ore in cui alle persone che sono dovute scappare dalla guerra verrà insegnato l'italiano con un focus particolare sui termini tecnici che bisogna sapere all'interno di una fabbrica, quelli riferiti specificamente alle dinamiche lavorative e produttive e quelli - ancora più importanti - relativi alla sicurezza. 

Questo percorso di formazione ha l'obiettivo di mettere le basi per una possibile collocazione lavorativa sul territorio per i profughi che rispettano queste due condizioni: devono essere in possesso dello stato di disoccupazione in Italia e che rimanere, tendenzialmente, per un periodo di almeno di sei mesi in provincia. Massima apertura da parte del prefetto di Pordenone, Domenico Lione, che ha offerto la collaborazione dei propri uffici per favorire la divulgazione ai profughi ucraini in età lavorativa presenti nel territorio – inseriti presso le strutture dei Centri di Assistenza Straordinaria. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confindustira: corsi di italiano tecnico per far lavorare i profughi ucraini

PordenoneToday è in caricamento