rotate-mobile
economia

Crédit Agricole Italia pronta a lanciare il nuovo pegno a valere sul Fondo di Rotazione regionale in agricoltura

Negli ultimi 5 anni sono oltre 200 i milioni erogati da Crédit Agricole Italia a valere sul Fondo di Rotazione in agricoltura del Friuli Venezia Giulia

Le scorte di magazzino potranno costituire la garanzia per l’erogazione di un finanziamento a valere sul Fondo di Rotazione regionale in agricoltura della Regione Friuli Venezia Giulia. 
È questa l’opportunità che Crédit Agricole Italia si appresta ad offrire con la nuova linea di credito per l’anticipazione degli importi risultanti dal valore della merce a magazzino o dei vini in cantina nel caso di una impresa vitivinicola. 

La misura, conosciuta con il nome di “pegno rotativo”, diventa ora più efficace grazie all’adozione a fini di verifica di una piattaforma digitale volta a superare il registro cartaceo, consentendo ad operatori, banche e Regione di affidare concretamente le aziende facendo leva su stock presenti, altrimenti non valorizzati appieno.

Si tratta di un meccanismo conosciuto e già utilizzato in diversi sistemi economici locali a vocazione produttiva agricola e agroalimentare, sperimentato anche in Friuli per quanto riguarda le anticipazioni su magazzino dei produttori di San Daniele. Tuttavia la digitalizzazione dell’approccio e l’apertura a tutte le filiere merceologiche agroalimentari consentirà di generare un vero e proprio volano di sviluppo, basato sulla concreta possibilità di erogazione di finanziamenti dedicati e migliorando l’accesso al credito. 

L’illustrazione del sistema e delle dinamiche di affidamento su pegno non possessorio è avvenuta giovedì 7 marzo nel corso di un convegno tenutosi all’Auditorium della Regione in via Sabbadini a Udine, organizzato dalla Regione stessa. Durante l’incontro è stata anche presentata l’operatività della nuova piattaforma informativa per le richieste di finanziamento.

Il Fondo di Rotazione in agricoltura, istituito con legge regionale 20 novembre 1982, n. 80, serve a sostenere e promuovere la realizzazione di nuovi interventi nel settore primario, in aggiunta o in alternativa ai contributi pubblici a fondo perduto ed agli ordinari prodotti proposti dal sistema bancario. Caratteristica principale del Fondo, oltre ai tassi vantaggiosi, è la rapidità di erogazione: ciò consente all'impresa agricola di ridurre il ricorso a forme di prefinanziamento ordinario.

Crédit Agricole Italia, storico partner bancario della Regione in questo ambito, negli ultimi cinque anni ha erogato oltre 200 milioni a valere sul Fondo di Rotazione. Con un sistema capillare di filiali e poli affari, oltre che centri impresa, la Banca accompagna le aziende agricole in regione nell’utilizzo delle risorse del Fondo con oltre 30 professionisti qualificati, fra gestori, specialisti e personale di back office. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crédit Agricole Italia pronta a lanciare il nuovo pegno a valere sul Fondo di Rotazione regionale in agricoltura

PordenoneToday è in caricamento