rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
Al Teatro Verdi / Centro Storico

A Cecilia Gobbi il Premio Pordenone Musica 2022

Giunta all’ottava edizione, l’iniziativa si conferma tra i più importanti eventi della stagione

Il Premio Pordenone Musica 2022 ha finalmente un volto. Ed è quello di una figura che continua ancora oggi a trasmettere l’amore per la musica al vasto pubblico, comprese le nuove generazioni. Il riconoscimento, giunto alla sua ottava edizione, è stato assegnato a Cecilia Gobbi, fondatrice dell’Associazione Musicale Tito Gobbi dedicato a sua padre che di professione era uno straordinario baritono. La scelta è ricaduta su una persona che contribuisce alla crescita e alla diffusione della cultura operistica. Basti pensare che nel 2004 ha istituito il progetto didattico “Magia dell’Opera”. Un’iniziativa che ha avvicinato docenti, allievi e famiglie al mondo della lirica. 

Ma il contributo non si è fermato qui. Cecilia Gobbi è autrice anche di iniziative editoriali da una serie di libri gioco a una collezione di album musicali che si sono dimostrati efficaci per portare i più piccoli alla scoperta della musica e delle potenzialità nascoste. Nel 2016 ha infine costituito la “Fondazione Tito e Tilde Gobbi” per conservare il ricordo del genitore attraverso un apposito archivio storico (riconosciuto dal MIBACT), e per incidere concretamente sulla formazione dei giovani artisti di talento.

Il Premio

La mission di Cecilia Gobbi coincide con quella dello stesso premio istituito dal Teatro Verdi nel 2015 in collaborazione con il Comune di Pordenone. Un riconoscimento che vede per altro il supporto prezioso della Regione FVG, del main partner ITAS Mutua Assicurazioni e con lo speciale sostegno di Giampaolo Zuzzi. Il Premio si è sempre posto l’obiettivo di essere un ponte tra presente e futuro. Una ricerca minuziosa che gli ha permesso di essere il fiore all’occhiello della stagione a Pordenone sia nella musica classica che sinfonica.

«Il Premio Pordenone Musica conferma anno dopo anno la sua unicità e la sua specifica vocazione» – spiega il Presidente del Verdi Giovanni Lessio. «Un patrimonio ormai consolidato, e di qualificato prestigio internazionale, capitale esclusivo del Comune di Pordenone e del Teatro Verdi, iniziativa d’eccellenza che continua a rappresentare a tutt’oggi l’unico riconoscimento - non solo a livello italiano - che celebra chi mette il suo sapere al servizio della didattica musicale. La scelta operata lo scorso anno di introdurre una Giuria internazionale così autorevole non può che aumentare il prestigio di un riconoscimento che distingue in modo così originale e peculiare il nostro Teatro e la nostra città». 

Il programma

Si partirà il 14 dicembre con la cerimonia di consegna del sigillo della città in Sala Giunta alle 18, mentre 15 dicembre al Teatro Verdi ci sarà l’assegnazione del Premio ufficiale firmata dal pluripremiato artista pordenonese Ludovico Bomben. “Sfera senza titolo” è un oggetto davvero particolare che consiste in una sfera di legno che contiene un piccolo universo che brilla e suona.

E a proposito di suono, ci sarà ovviamente spazio alla musica con il concerto “Wolfgang Amadeus Mozart, arie dal Don Giovanni in forma di concerto” eseguito da giovani talenti della Fondazione Tito e Tilde Gobbi accompagnati dall’Orchestra del Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste guidata un giovane direttore emergente. Il 16 dicembre l’evento si chiuderà con un appuntamento esclusivo riservato agli studenti alle 11. Una lezione-concerto dedicata al Don Giovanni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Cecilia Gobbi il Premio Pordenone Musica 2022

PordenoneToday è in caricamento