rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
ambiente / Maniago

Maniago, nuova centralina per monitorare la qualità dell'aria

Si rileveranno i valori di inquinamento nella pedemontana pordenonese

È stata installata a Campagna di Maniago una nuova centralina dell'Arpa (Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente) per il rilevamento della qualità dell'aria. Uno strumento che è parte di un progetto di monitoraggio ambientale programmate dall'Agenzia nell'ambito del più ampio progetto dedicato alla pedemontana pordenonese volto a consolidare l'insieme di conoscenze relative alla qualità dell'aria nella pedemontana pordenonese. 
I dati raccolti contribuiranno alla prosecuzione delle azioni ricomprese nello studio epidemiologico avviato della Regione nei mesi scorsi che riguarda un'ampia area territoriale dello Spilimberghese e del Maniaghese.
pubblicati sul sito dell'Agenzia".

«Con questa campagna di monitoraggio e misurazione di potenziali fonti di inquinamento, che avrà la durata di un anno - ha sottolineato l'assessore regionale all'Ambiente Fabio Scoccimarro - nello specifico verranno rilevate le polveri sottili pm10, oltre che le concentrazioni di benzo(a)pirene, ossidi di azoto e diossine. Verranno effettuate anche le determinazioni dell'eventuale presenza di metalli nelle polveri. I dati raccolti - ha precisato l'assessore - saranno resi disponibili, nella stessa giornata del rilevamento, sul sito
dell'agenzia mentre, per quanto riguarda le sostanze rilevabili tramite analisi di laboratorio (come i metalli e il benzo(a)pirene, ndr) gli esiti saranno disponibili in una relazione consuntiva che verrà pubblicata sempre nel sito dell'Agenzia».

L'assessore, ritornando sul progetto riguardante lo studio epidemiologico della Pedemontana pordenonese ha aggiunto: «Il previsto studio epidemiologico, partito dai dati dell'area spilimberghese dove vi è la presenza di un impianto di termovalorizzazione, interesserà oltre a Maniago anche i comuni di Montereale Valcellina, Vajont, Fanna, Cavasso Nuovo, Arba e Vivaro e vedrà coinvolti altri soggetti, come per esempio l'Università di Trieste. Inoltre, proprio per censire e analizzare i dati relativi a fonti emissive di tipo industriale presente nel territorio maniaghese saranno presi contatti con il Dipartimento politecnico di Ingegneria e Architettura dell'Università di Udine individuato come partner scientifico dell'operazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maniago, nuova centralina per monitorare la qualità dell'aria

PordenoneToday è in caricamento