rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Sostenibilità

Raccolta differenziata: Prata e Chions tra i Comuni più virtuosi

Il Friuli Venezia Giulia si trova al sesto posto in Italia secondo il rapporto di Legambiente. Fanalino di coda la ex provincia di Trieste

Sono 53 i Comuni Ricicloni e Rifiuti Free. Città che superano il 65% di raccolta differenziata (RD) e che hanno una produzione pro-capite abitante anno (kg/ab/a) del secco residuo minore o uguale a 75 kg/anno (erano 56 nel 2019). È quanto emerge dall’evento promosso da Legambiente FVG che ha fornito un quadro della situazione in Regione. I Comuni più virtuosi coprono il 67% della popolazione nel pordenonese, seguiti dalla ex provincia di Udine (il 22%). Assenti in questa classifica i comuni della provincia di Gorizia e Trieste. 

Pordenone

Secondo il report del 2024 il Friuli Venezia Giulia è sesta tra le Regioni italiane. La raccolta differenziata si attesta al 69,2%, un dato in leggera diminuzione rispetto al 2021 (-0,2%). La produzione di secco residuo è di 142,1 kg/ab/a mentre per quanto riguarda la produzione totale di rifiuti pro-capite è in media di 470,8 kg/ab/a.

Per quanto riguarda i comuni delle ex provincie Legambiente ha riscontrato una forte disomogeneità con Pordenone che si trova al primo posto con l’82% di raccolta differenziata. Seguono Udine con il 72,1%, Gorizia con il 68,9% e Trieste con il 46,1%.

Se si guarda invece solamente il parametro della raccolta differenziata (>65% RD), Prata di Pordenone è in questo caso al primo posto con quasi il 90%. Il criterio è sodisfatto dal 92% dei comuni in Provincia di Gorizia e Pordenone, dal 78% dei comuni di Udine e dal 33% per quanto riguarda Trieste.

Osservando la quantità di secco residuo pro capite prodotto in un anno le zone più efficienti sono Chions con 39,1 kg/ab/a, Caneva con 42,8 e Valvasone - Arzene con 45. I 3 comuni con una popolazione superiore ai 15.000 che rientrano in questa classifica sono Cordenons con 52,1 kg/ab/a, Pordenone con 65,7 kg/ab/a e Azzano Decimo con 75,3 kg/ab/a. 

Menzioni speciali assegnate a Preco System e O-I Italy di Chions, due importanti realtà che si occupano da tempo di economia circolare e che hanno fatto parte delle tappe dei Cantieri della Transizione Ecologica, lanciato da Legambiente in tutta Italia lo scorso anno.

«L’Economia circolare non è da vedere solo come la seconda vita dei rifiuti – dichiara Andrea Minutolo, responsabile scientifico nazionale di Legambiente – ma un modello virtuoso di economia che si basa su parole chiave come ricerca, innovazione, filiere strategiche, impiantistica. Un modello che deve vedere la stretta collaborazione tra Enti pubblici, aziende private e cittadini per cercare di decarbonizzare le attività produttive da una parte e ridurre l’uso di materie prime e gli impatti sulle matrici ambientali come acqua, aria e suolo dall’altra».    
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolta differenziata: Prata e Chions tra i Comuni più virtuosi

PordenoneToday è in caricamento