rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Casa

Come attivare luce e gas a Pordenone

Una guida con tutte le informazioni necessarie per attivare l'utenza domestica in città

Il momento in cui ci si trasferisce in una nuova casa prevede diversi passi fondamentali da fare. Tra questi c'è l'attivazione delle utenze e in particolare l'elettricità. 

Come scegliere il fornitore

Da anni ormai il mercato dell'energia elettrica è libero e si può scegliere tra molte compagnie. Ognuna ha un pacchetto di offerte particolari e diverse società offrono anche il servizio di luce e gas cumulativo così da avere un solo operatore. 
Ovviamente la scelta del fornitore è un fatto soggettivo ed è importante informarsi sulla compagnia che si andrà a scegliere, verificando che sia affidabile, leggere in modo approfondito le condizioni che vengono offerte e scegliere un tipo di offerta che sia in linea con le proprie abitudini di vita e quindi di consumo di energia. 

Quali sono i tempi

Quando avremo scelto l'azienda che ci fornirà l'energia elettrica, sarà quest a occuparsi di portare avanti tutte le pratiche e l'attivazione del contatore. Per l'attivazione la procedura avviene entro 7 giorni lavorativi, mentre per  quanto riguarda la riattivazione del contatore, il distributore provvederà entro 2 giorni lavorativi. 

Documenti necessari per l'attivazione

  • Carta d'identità dell'intestatario della fornitura, necessaria per avere i dati anagrafici
  • Recapiti telefonici e e-mail
  • Comunicare se l'abitazione è di residenza o meno
  • Codice POD, che corrisponde all’identificativo della bolletta associato al contatore ed è unico per ogni intestatario
  • La potenza del contatore
  • Codice IBAN se vogliamo la domiciliazione bancaria

I costi variano a seconda del fornitore, ma per quanto riguarda il regime di maggior tutela, cioè un regime tariffario stabilito dall'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) si deve versare:

  • Un contributo fisso di 26,13 € per oneri amministrativi
  • Un contributo fisso di 23 €
  • Un deposito cauzionale o altra garanzia, se richiesto dall'esercente
  • L'imposta di bollo di 16 € prevista dalla normativa fiscale

Nel caso del mercato libero si devono versare gli eventuali costi per la prestazione commerciale differenti in base al gestore, un deposito cauzionale o altra garanzia, se richiesto dall'esercente, l’imposta di bollo di 16 €, prevista dalla normativa fiscale.

Attivazione del gas

Dopo aver scelto l'azienda che ci fornirà il gas, questa manderà una richiesta al distributore locale entro 2 giorni lavorativi. Da quando viene approvata la documentazione, questa deve essere attivata entro 10 giorni lavorativi. 
Vista la particolarità dell'utenza, prima dell'attivazione è necessario un controllo della tenuta dell'impianto da parte di un tecnico abilitato. Tutto l'iter deve durare al massimo 12 giorni lavorativi. In caso di impossibilità di far effettuare l'accertamento, l'utenza viene comunque attivata ma la cosa viene notificata al Comune che può provvedere alla verifica addebitando i costi al cliente. 

Documenti per l'attivazione del gas

Ecco quali sono i documenti necessari per attivare l'utenza domestica di gas.

  • Carta d’identità con tutti i dati anagrafici
  • Recapiti telefonici o e.mail
  • Codice PDR che corrisponde al codice fiscale della fornitura del gas, unico per ogni cliente
  • Specificare la tipologia di fornitura, se si utilizza per cucinare, per il riscaldamento
  • Moduli richiesti dal fornitore tra cui l’attestazione di tenuta dell’impianto
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come attivare luce e gas a Pordenone

PordenoneToday è in caricamento