rotate-mobile
Politica / Porcia

«Crisi Electrolux sottovalutata: devono mobilitarsi tutti i sindaci pordenonesi»

Le parole del candidato sindaco di Porcia Mario Bianchini

Il candidato sindaco civico di Porcia Mario Bianchini è preoccupato per il futuro di Electrolux e dei suoi lavoratori. «Tutti i sindaci del pordenonese si mobilitino, in maniera coordinata, per far sentire la voce del territorio. Questa crisi può e non deve essere presa sottogamba».
Per il 12 marzo è stato convocato a Roma il tavolo ministeriale sugli esuberi, in Italia, della multinazionale svedese e, proprio per questo, «nei giorni scorsi – spiega lo stesso Bianchini, sostenuto da La Risorgiva, Porcia Bene Comune e dal Pd – abbiamo incontrato, nella sede elettorale di via Marconi, le rappresentanze sindacali di Electrolux dello stabilimento di Porcia. La preoccupazione è tanta, anche perché, rispetto a dieci anni fa, la situazione è ancora più drammatica dal momento che manca un piano per il rilancio dell’azienda. Siamo a fianco delle Rsu, della Regione e del Governo perché venga chiesto, anzi preteso, un piano industriale per i prossimi anni».
E aggiunge: «Non vogliamo dare ricette, anche se la scelta di produrre nello stabilimento di Porcia solo lavatrici top di gamma può essere penalizzate, ma vogliamo mobilitare il territorio: amministrazioni comunali, Confindustria e i cittadini. Abbiamo la percezione, infatti, che si stia sottovalutando la faccenda. Il fatto che si licenzino gli impiegati, dietro il riconoscimento di un incentivo economico, non può essere visto positivamente. Quando, lo ribadisco, manca un piano di ristrutturazione per il futuro».
C’è di più. «Per il management dell’azienda, che non è più italiano, non è un problema ridimensionare o ancor peggio cancellare il sito di Porcia. Per questo – sottolinea Bianchini – la crisi dell’Electrolux non può essere sottovalutata. Anzi, deve essere considerata a tutti i livelli, anche a quello europeo. A giugno si voterà per il rinnovo del Parlamento europeo: mi auguro che i candidati, così come gli attuali rappresentanti, si impegnino a fondo per risolvere una questione che sta diventando, sempre più, spigolosa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Crisi Electrolux sottovalutata: devono mobilitarsi tutti i sindaci pordenonesi»

PordenoneToday è in caricamento