rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Politica

Crisi Savio: "Il ministro Ciriani convochi l'azienda al più presto"

Le parole del segretario provinciale Tomasello (Pd): "Occorre studiare per tempo strategie difensive per i settori più deboli"

Sale la preoccupazione dopo l'annuncio della cassa integrazione della Savio. "Bisogna tenere i fari accesi sugli sviluppi e in particolare sulle attese per i carichi di lavoro per la seconda parte dell'anno". Lo chiede il segretario provinciale del Pd di Pordenone Fausto Tomasello, rilevando l’accentuarsi della crisi della storica azienda produttrice di macchine tessili.  "Il ministro Ciriani si faccia carico di favorire un confronto con la proprietà belga anche in questa fase negativa. Solo un anno fa l'azienda aveva presentato al ministro Ciriani progetti industriali e annunciato investimenti per circa 27 milioni di euro nello stabilimento di Pordenone. Con queste risorse la proprietà si è impegnata a dare una speranza di futuro all'azienda, che però continua ad accusare rallentamenti di produzione e di ore lavorate”. 

Secondo il segretario “La congiuntura mondiale non è favorevole per le produzioni del tessile.  Occorre studiare per tempo strategie difensive per i settori più deboli, che non siano il taglio di lavoratori o penalizzazioni salariali. Con i primi segnali di crisi bisognava che il ministro tornasse in Savio e altrettanto facessero Fedriga e Bini. C’è da preoccuparsi di Savio, di Electrolux, del settore del mobile, dell'automotive e del suo indotto - conclude il segretario - oltre alla carenza asfissiante di manodopera”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi Savio: "Il ministro Ciriani convochi l'azienda al più presto"

PordenoneToday è in caricamento