rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
la dichiarazione / Porcia

Crisi Electrolux: «Grave l'incontro azienda-Regione senza sindacati»

L'intervento del segretario provinciale del Partito democratico Fausto Tomasello

«La Regione torni sui suoi passi e faccia partecipare i sindacati agli incontri in cui si decide il destino dei lavoratori. È gravissimo che la Regione convochi un tavolo di confronto con Electrolux e Confindustria escludendo le forze sindacali. Non bastano le rassicurazioni dell’assessore Bini, ancora una volta chiediamo al presidente Fedriga di prendere in mano in prima persona la partita delle crisi industriali del pordenonese. Sia il presidente ad andare da Urso per chiedere che al Mimit sia convocato il tavolo Electrolux e un tavolo dell’elettrodomestico già tardivo e ormai irrimandabile. La latitanza del ministro Urso è imbarazzante».
l segretario della federazione provinciale del Pd di Pordenone Fausto Tomasello chiede alla Giunta regionale “concreta attenzione verso i lavoratori e le loro legittime rivendicazioni”, dopo la convocazione per giovedì 25 gennaio di un incontro tra la Regione e i vertici di Electrolux Italia, per fare il punto sul tema degli ammortizzatori sociali, sul piano di riorganizzazione del personale e sulle strategie di sviluppo dell'azienda in Italia e in particolare nello stabilimento di Porcia.

«I lavoratori devono essere in ogni passaggio interlocutori dell’azienda e delle istituzioni altrimenti – prosegue Tomasello – la loro esclusione sarebbe un atto di sfiducia e un tentativo di imporre un'agenda unilaterale. La Regione al contrario deve assumere un ruolo di garante degli interessi del territorio in tutte le sue componenti. Si convochi dunque un tavolo di confronto con la partecipazione di tutte le parti interessate, per interfacciarsi con il Governo e – conclude l’esponente dem - cercare assieme una soluzione che salvaguardi i posti di lavoro e il futuro dello stabilimento di Porcia».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi Electrolux: «Grave l'incontro azienda-Regione senza sindacati»

PordenoneToday è in caricamento