rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Approvato il bilancio regionale

La Regione dice "sì" alla manovra record da 5,7 miliardi

Fedriga: "Tutte le linee strategiche sono state rafforzate in modo consistente"

Una manovra record, con disponibilità di risorse finanziarie senza precedenti e un quadro di oltre 5,7 miliardi di euro. Dopo quattro giorni la notte passata il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia ha approvato a maggioranza le tre leggi che compongono il bilancio. Sono stati accolti 59 dei 94 ordini del giorno presentati. "Mettere a disposizioni risorse ingenti in un momento di tensione economica internazionale come quello che stiamo vivendo – ha spiegato il governatore, Massimiliano Fedriga – permette di allargare e rendere più forte la capacità di reazione che la comunità regionale, in particolare il mondo produttivo, può avere soprattutto in considerazione delle difficili previsioni che contraddistingueranno l'Europa il prossimo anno. Tutte le linee strategiche della Regione sono state rafforzate in modo consistente". A conclusione dei lavori d'Aula, Mauro Bordin presidente del Consiglio regionale, ha ringraziato "i rappresentanti dell'Esecutivo e del Legislativo che si sono confrontati su temi importanti per il territorio e per i cittadini, mantenendo un dialogo schietto, leale e corretto". Le principali novità introdotte.

Attività produttive

Il budget a disposizione dell'assessore Sergio Emidio Bini ha visto un incremento del 27 per cento rispetto all'anno precedente, che ha consentito di allocare 11 milioni per un nuovo bando di incentivi all'insediamento nei consorzi di sviluppo economico locale; 4 milioni per accordi di sviluppo e innovazione; 3 milioni per il recupero di capannoni e siti industriali dismessi; 4,5 milioni per l'acquisto di nuovi macchinari; 5 milioni per il settore artigiano tramite il Cata; 2,1 milioni a sostegno dell'imprenditoria femminile, 1 milione per i distretti del commercio e 500mila euro per i negozi di vicinato. Con un emendamento sono arrivati 700mila euro per l'urbanizzazione del Coselag dell'area giuliana.

Turismo

Il voucher Turesta vede un incremento di fondi di 5 milioni, mentre 2 milioni serviranno ad ammodernare le unità abitative a uso turistico. Poste importanti per i grandi eventi (11 milioni) e gli investimenti nelle strutture (7 milioni). Più di 3 milioni serviranno a sostenere le produzioni cinematografiche. PromoTurismo Fvg ha beneficiato di numerosi finanziamenti, giunti anche tramite gli emendamenti, per l'organizzazione di grandi eventi (1,5 milioni) e interventi sulle strutture a servizio della spiaggia di Grado (1 milione). Saranno gestiti da PromoTurismo anche i 14 milioni destinati allo sviluppo del progetto GO!2025. Introdotto con un emendamento il sostegno a chi organizza i fuochi tradizionali epifanici (340mila euro).

Agricoltura

Più di 9 milioni vengono destinati al Fondo di rotazione, mentre poco meno di 1 milione servirà a contrastare l'abbandono del territorio montano. A disposizione dell'assessore Stefano Zannier anche fondi per l'acquisto di mezzi speciali (370mila) e la manutenzione delle opere idraulico-forestali (200mila). Finanziata l'attività dell'Ersa con 500mila euro. Prorogati i contributi a favore delle imprese agricole per l'installazione di impianti fotovoltaici e promosso l'impiego di fonti energetiche rinnovabili nell'ambito delle comunità energetiche agricole.

Ambiente

Tra le poste a disposizione dell'assessore Fabio Scoccimarro, spiccano i 46 milioni per la difesa del suolo, 9 dei quali serviranno a sistemare le spiagge di Grado e Lignano. Sul fronte delle mareggiate, è arrivato anche il via libera alla stipula di contratti di costa. Otto milioni saranno investiti per la prevenzione del rischio idrogeologico, 13 milioni per la bonifica dei siti inquinati, 5,7 milioni per le opere idrauliche dei Consorzi di bonifica e dei Comuni. Altri 5 milioni andranno all'Ausir per gli investimenti sul servizio idrico integrato, 4,9 milioni ai Comuni per la manutenzione dei corsi d'acqua, un milione e 750mila euro per l'installazione di dispositivi di regolazione dei pozzi artesiani. Stanziati anche 750mila euro per consentire al Comune di Gorizia di smaltire i rifiuti da via Aquileia. Un programma di opere di pulizia sul torrente Cormor comporterà la spesa di 344mila euro.

Territorio

Nel budget a disposizione dell'assessore Cristina Amirante spiccano i quasi 250 milioni per i trasporti, i 117 milioni per i lavori pubblici su viabilità comunale, regionale e ciclabili, i 100 milioni complessivi per il sistema-casa. Poste significative sono anche il milione e 850mila euro per gli edifici di culto, 1,7 milioni per il progetto di integrazione di diverse modalità di trasporto e il milione e mezzo, introdotto con un emendamento di Giunta, per completare la riqualificazione dell'asp La Quiete a Udine. Altri 700mila euro finiranno alla Fondazione Renati di Udine, mentre 640mila euro serviranno all'Ater di Trieste per recuperare immobili di edilizia pubblica. I Comuni disporranno di mezzo milione per l'acquisto di arredi e attrezzature, e la stessa cifra è stata introdotta con un emendamento per la realizzazione di bicipolitane, ovvero sistemi integrati di mobilità ciclistica. Fondi anche per eliminare le barriere architettoniche (617mila euro) e ammodernare la ferrovia Udine-Cividale (500mila).
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Regione dice "sì" alla manovra record da 5,7 miliardi

PordenoneToday è in caricamento