Politica / Pordenone Nord / Via Interna

Polemiche sul Rampy Park a pagamento al parco San Valentino: "Alla faccia dell’inclusività"

Marco Salvador (La Civica): "Condividiamo le preoccupazioni dell’ex Sindaco". La replica di Tirelli: "I novelli Indiana jones come li ha definiti Pasini saranno dei bambini affetti da gravi disabilità. Per questo il Parco avventura è stato pensato, finanziato, progettato".

Dopo la lettera pubblicata dall'ex sindaco Alfredo Pasini è scoppiata la polemica sul nuovo Rampy Park inclusivo. La struttura, costruita nella zona nord del parco San Valentino e circondata da nuovi alberi, avrà un'altezza massima 12 metri e costerà circa 575 mila euro. I primi lavori saranno previsti nel mese di settembre e si concluderanno entro la fine dell'anno secondo quanto previsto dal piano delle opere pubbliche del Comune di Pordenone. 

Salvador (La Civica): "Spendere soldi pubblici per attività a pagamento è vergognoso"

"Condividiamo le preoccupazioni dell’ex Sindaco Pasini rispetto all’installazione di un parco avventura presso il San Valentino. - afferma  Marco Salvador de La Civica - È evidente a tutti come il parco San Valentino sia un ecosistema molto delicato, sarebbe stato più opportuno installare un percorso avventura in un altro contesto. La cosa più grave e preoccupante però è la notizia che vorrebbe questo percorso avventura, definito “inclusivo”, a pagamento alla faccia dell’inclusività!
Ci immaginiamo già le famiglie e i bambini che potranno permettersi l’accesso mentre fuori nell’imbarazzo i bambini e le famiglie che non potranno permetterselo. In un periodo storico in cui le famiglie hanno difficoltà a iscrivere i bambini ai centri estivi, alle associazioni sportive e ad altre attività ludico sportive, sapere che il Comune Di Pordenone spende soldi pubblici per attività a pagamento sarebbe veramente vergognoso".

La replica dell'assessore Tirelli

A rispondere alle accuse dell'ex sindaco Pasini è l'assessore Tirelli che difende il progetto del parco inclusivo in via di costruzione. "I “novelli indiana jones”, come definiti da un ex sindaco, saranno bambini affetti da gravi disabilità, che grazie al nuovo Rampypark, finalmente, potranno vivere le stesse emozioni di chi è stato più fortunato di loro. Per questo il Parco avventura è stato pensato, finanziato, progettato".

"Mi sono stancato di certe maniere, - prosegue l'assessore -. Chiedere gli appuntamenti agli uffici e poi uscire sul giornale per un ritaglio di visibilità è un abitudine ormai trasversale. L’area del parco San Valentino  è cresciuta in termini di attrattività sotto il mandato di Alessandro Ciriani in maniera evidente. È questo è un fatto non confutabile. Se a qualcuno, questo percorso di crescita, che non è ancora concluso, non sta bene non è un nostro problema". 

Per Tirelli "ciò che conta è che quell’area sia sempre più il riferimento di adulti, famiglie, bambini e di coloro che sono affetti da varie forme di disabilità, dato che proprio per loro stiamo realizzando un vero e proprio polo unico nel suo genere nel nord Italia".

PordenoneToday è anche su WhatsApp. Iscriviti al nostro canale

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polemiche sul Rampy Park a pagamento al parco San Valentino: "Alla faccia dell’inclusività"
PordenoneToday è in caricamento