rotate-mobile
Politica

Alpini all'opera per sistemare sentieri e rifiugi: pronti 300 mila euro

I soldi saranno destinati alle baite alpine di Piancavallo e Cuol (Barcis), e al rifugio Julia a Forchia (Meduno)

Ci saranno anche alcune zone di Pordenone al centro degli interventi previsti dal progetto "Rifugi Ana". Il vicepresidente del Friuli Venezia Giulia con delega alla Cultura Mario Anzil è intervenuto oggi a Udine alla conferenza "Interventi di ripristino e riqualificazione di rifugi e sentieri di competenza delle sezioni Alpini del Friuli Venezia Giulia" dove ha annunciato che saranno stanziati 300 mila euro. 

«I rifugi alpini - afferma Anzil - rappresentano un patrimonio inestimabile per il territorio non solo come occasione di svago e ristoro per gli escursionisti, ma anche come preziosa testimonianza del nostro passato. L'Amministrazione regionale ha dedicato una specifica linea contributiva per preservare la memoria di questo patrimonio storico e culturale, spesso legato ai sanguinosi avvenimenti delle due Guerre mondiali. Assegnando agli Alpini questa attività di recupero vogliamo porgere un segno di profonda gratitudine alle Penne nere per il loro infaticabile impegno a servizio della comunità».

All'incontro hanno partecipato, tra gli altri, i presidenti di sezione Ana Dante Soravito de Franceschi (Udine), Ilario Merlin (Pordenone) e Antonio Ruocco (Cividale), oltre a diversi amministratori dei Comuni in cui saranno realizzati gli interventi. Le opere finanziate saranno a carico delle sezioni Ana di Udine, Cividale e Pordenone, e tra gli interventi previsti nella Destra Tagliamento ci saranno i lavori alla baita alpina di Piancavallo, il rifugio Julia a Forchia (Meduno), la baita degli Alpini a Cuol (Barcis). Il vicepresidente ha infine confermato l'impegno della Regione nell'offrire al territorio "«una cultura policentrica e polifonica, garantendo alla cittadinanza l'opportunità di esprimere la propria voce. Auspico che la 'voce' delle Penne nere continui a farsi sentire nel tempo e che l'esempio trasmesso dallo spirito alpino venga raccolto un domani dalle nuove generazioni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alpini all'opera per sistemare sentieri e rifiugi: pronti 300 mila euro

PordenoneToday è in caricamento