rotate-mobile
il caso / Clauzetto

Clauzetto, il sindaco minaccia la Regione: «Se non riapre la strada mi dimetto»

Passa alle maniere forti Giuliano Cescutti: la frana sull'ex provinciale 22 crea disagi al paese dalla fine del 2023

Da mesi gli abitanti di Clauzetto devono convivere con un importante problema dato da una frana che ha interrotto la strada più breve di accesso alla pianura, l'ex provinciale 22 che dal paese conduce verso Travesio e quindi Spilimbergo. 
Il sindaco di Clauzetto adesso ha dato un ultimatum alle autorità regionali e minacciato le dimissioni: «O si riapre la strada definitivamente entro il 29 marzo - ha tuonato - o il sindaco si dimette. Non per disimpegno ma per non essere in alcun modo accomunato, pur senza responsabilità diretta, se non quella giustamente attribuitagli dai cittadini, a istituzioni responsabili incapaci di dare risposte concrete. Che lo crediate o no, da oltre quattro mesi a questa parte la situazione mi è pesante anche a livello personale».

«Il 16 marzo, al mio ennesimo sollecito, mi viene comunicato: che lunedì mattina, invece di iniziare i lavori, ci sarà un altro sopralluogo con il geologo; - che giovedì 21 ci sarà un ulteriore sopralluogo con l’Ispettorato Foreste e con la forestale per prendere non si capisce bene quale decisione. Quindi un’altra settimana sprecata, dedicata ancora ad ascoltare luminari attorno al letto del moribondo, in questo caso la Comunità di Clauzetto, condannata al disagio quotidiano da oltre 4 mesi. Siamo al ridicolo: se la pioggia ha fermato i lavori per 4 settimane, nel frattempo non potevano almeno essere perfezionati tutti gli atti di burocrazia?».

«In oltre 4 mesi non sono riusciti a trovare quindici giorni per realizzare i lavori necessari a riaprire la strada. Ora, le mie richieste sono semplici e non negoziabili: si inizi a lavorare lunedì 18 marzo; si lavori anche il sabato e la domenica; si riapra la strada definitivamente entro venerdì 29 marzo.Se tali richieste non verranno soddisfatte il sottoscritto si troverà costretto a rassegnare le dimissioni dalle funzioni di Sindaco quale segnale forte verso le istituzioni». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Clauzetto, il sindaco minaccia la Regione: «Se non riapre la strada mi dimetto»

PordenoneToday è in caricamento