rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Viabilità / Clauzetto

Strada chiusa a Clauzetto, Amirante: «Apertura durante le feste»

Il monitoraggio della frana avverrà da remoto con un sistema formato da tre sensori collegati a un modem e a un semaforo.

«Ci stiamo impegnando affinché si possa riaprire la strada durante le festività natalizie, meteo e imprevisti permettendo». Le parole sono dell'assessore regionale alle Infrastrutture e territorio Cristina Amirante in merito alla frana di Clauzetto che si è formata a seguito dell'ondata di maltempo dei primi giorni di novembre. La ex provinciale 22 è attualmente chiusa al traffico per motivi di sicurezza. 

La frana è già al centro di una rilevazione costante quando nel corso di una prima ispezione si è notata la presenza di numerose ed ampie fratture che avevano provocato dei movimenti come si è visto dalla caduta di alberi o dall'inclinazione dei tralicci dell'alta tensione. 

L'Edr - ente di decentramento regionale -  si è subito mobilitata e, con il supporto di un geologo qualificato, «ha eseguito un rilievo con tecnologia "lidar" dell'area mediante drone, chiudendo nel frattempo la circolazione in quel tratto della strada regionale PN 22, condividendo tutte le informazioni morfologiche con la Protezione Civile», ha dichiarato l'assessore.

Dopo quella prima serie di accertamenti gli esperti hanno rilevato la  presenza di una frana di notevoli dimensioni con un fronte di circa 350 metri  su un'area di circa 3,5 ettari. Il volume
movimentabile di circa 300 mila metri cubi. Dopo aver valutato le soluzioni percorribili, compresa quella  di rimuovere l'unghia della frana per un massimo di 20mila metri cubi, si è deciso di monitorare la parte della frana che si affaccia verso la ex provinciale per consentire una graduale riapertura della strada.

L'intervento

Per permettere il ripristino della viabilità saranno necessari 10-12 giorni in modo da installare e calibrare perfettamente il sistema di monitoraggio della frana, formato da tre sensori da installare sul corpo frana e di un sensore ad ultrasuoni da posizionare sul limitrofo tombotto.

I dispositivi dovranno essere collegati a un semaforo e a un modem che, conun trasmettitore, invierà un segnale all'Edr e alla Protezione Civile. Nel caso di movimenti anomali i semafori scatteranno sul rosso consentendo un intervento immediato delle squadre di emergenza e di manutenzione. «Il monitoraggio avverrà da remoto con un sistema che sarà soggetto ad una manutenzione periodica per una durata, al momento, di 12 mesi e verrà redatto un rapporto quindicinale sulle attività», conclude Amirante. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strada chiusa a Clauzetto, Amirante: «Apertura durante le feste»

PordenoneToday è in caricamento