rotate-mobile
Salute / Porcia

Una nuova Tac a Porcia: esami più veloci e meno invasivi per il paziente

È uno dei sistemi più avanzati del settore. Il primo a essere adottato in Friuli Venezia Giulia

Si chiama Revolution Apex Elite il nuovo apparecchio a disposizione del Centro Medico Esperia di Porcia. Studio che da oggi potrà contare su un modello - il primo presente in Friuli Venezia Giulia  -  che permette di avere il massimo della precisione con il minimo di radiazioni. Oggi c'è stato il taglio ufficiale del nastro alla presenza del sindaco di Porcia Marco Sartini e dei consiglieri regionali Lucia Buna, Marco Putto e Andrea Carli, membri della Terza Commissione. 

“Siamo davvero orgogliosi di questo investimento – sottolinea Claudio Riccobon, presidente e amministratore delegato di Gruppo Policlinico – la macchina di GE HealthCare presente nel Centro Medico Esperia è la prima presente nel nordest e una delle prime in Italia dove se ne contano, ad oggi, solo cinque. Per l’intero Gruppo, l’acquisizione di questa Tac rappresenta un ulteriore passo verso la costante evoluzione tecnologica che da sempre contraddistingue la nostra presenza sul territorio, come punto di riferimento per la diagnosi e la cura”.
 

La nuova tac

La sede pordenonese, parte del Gruppo Policlinico Città di Udine, ha ricevuto una delle Tac più performanti e avanzate del settore. Un sistema in grado di eseguire esami ad altissima risoluzione, in particolare per cuore e coronarie, con bassissime dosi di “raggi X”. A realizzarlo è GE HealthCare, azienda leader a livello mondiale nell'innovazione della tecnologia medica, della diagnostica farmaceutica e delle soluzioni digitali.

 Con il tubo a raggi X più potente del settore, infatti, la nuova TC, offre capacità cliniche elevate e una velocità di rotazione che le permette di generare un’accurata immagine del cuore in 0,23 secondi, che rende questa apparecchiatura la più veloce sul mercato (risoluzione temporale).

“Il risultato si traduce in immagini più ferme anche se il battito cardiaco è veloce ed in elevata risoluzione che permette di vedere anche le placche più piccole – ha spiegato il dottor Gianluca Piccoli, responsabile della radiologia per il Gruppo Policlinico – Nel caso dei pazienti cardiopatici, l’imaging del cuore richiede una velocità fulminea e una precisione senza precedenti per evitare che qualsiasi movimento appaia nell'immagine finale. L’elevata velocità, inoltre, consente di ridurre la quantità del mezzo di contrasto, rendendo l’esame più sicuro anche in caso di problematiche renali.”
 
L’intero flusso di lavoro della macchina, seppur supervisionato dall’equipe, è gestito dall’intelligenza artificiale che interviene in numerose fasi dell’esame ed è di ausilio al medico nell’analisi e nella refertazione. Oltre agli esami cardiaci la nuova Tac è in grado di eseguire esami ad altissima risoluzione di ogni distretto corporeo, arterie, addome, torace, apparato scheletrico e cervello con bassa dose di raggi x e di contrasto.
 
“Il taglio del nastro di oggi ha un duplice valore dal momento che il Centro Medico Esperia è stato aperto poco prima dell’inizio dell’emergenza Covid e quindi mai inaugurato ufficialmente – ha sottolineato il sindaco Sartini – quindi oggi sono felice di celebrare non solo l’arrivo della nuova Tac, ma anche l’intero centro che è una grande risorsa per il territorio e per la comunità, non solo regionale”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una nuova Tac a Porcia: esami più veloci e meno invasivi per il paziente

PordenoneToday è in caricamento