Domenica, 21 Luglio 2024
scuola / Vallenoncello / Viale Treviso, 12

Una delegazione irachena in visita all'asilo nido Farfabruco

Presente anche un referente del Ministero dell’Educazione dell’Iraq insieme a un gruppo proveniente da tre scuole dell’infanzia di Bàssora

Da Bàssora a Pordenone per un progetto di educazione di ampio respiro internazionale. È successo nei giorni scorsi al Nido d’infanzia Farfabruco della Cooperativa sociale Itaca che ha accolto una delegazione di maestre di tre scuole dell’infanzia di Bàssora, accompagnate da un referente del Ministero dell’Educazione dell’Iraq.

La visita si inserisce all’interno del progetto internazionale “Inclusi di diritto! verso un’inclusione effettiva e partecipata della comunità cristiana in Iraq”, che annovera tra i partner locali Caritas Iraq, Diocesi Caldea di Bàssora e Hammurabi Human Rights Organization, mentre tra i partner italiani Terres des Hommes Italia e Studio IN. L’obiettivo di questo incontro è la condivisione di idee, informazioni e competenze attraverso il metodo educativo dei servizi alla prima infanzia che contraddistingue il nido di viale Treviso a Pordenone da 18 anni.

Il progetto

La delegazione irachena si è diretta al nido di Itaca per realizzare un percorso di innovazione e approfondimento delle metodologie didattiche rivolto ai docenti delle tre scuole dell’infanzia a Bàssora. Un progetto che sarà gestito dal partner locale Chaldean Catholic Archdiocese.

“Inclusi di diritto” consiste nell’attivazione di un servizio di supporto psicologico presso il centro Caritas di Bàssora, rivolto a minori e rispettive famiglie vittime di trauma post conflitto e migrazione forzata. Allo stesso tempo si punta a intervenire sulle scuole dell’infanzia del territorio allo scopo di offrire tutti gli strumenti al personale docente, attivo con la fascia d’età 0-5 anni.

L'incontro

Il gruppo è stato accolto al Farfabruco dalla coordinatrice Sabina Capolo ed è stata introdotta alle buone pratiche adottate al nido. Le maestre di Bàssora hanno potuto vedere di persona le best practice educative e toccare con mano i risultati della cultura della prima infanzia adottata al Farfabruco.

Oltre al modello di gestione tradizionale strutturato per sezioni, Itaca ha infatti adottato da anni un modello innovativo ispirato alla logica dell’open space. Ha riorganizzato le aree ludiche, luoghi di routine e spazi di attività per favorire e sostenere la capacità di scelta, la proattività e i processi di conoscenza di sé, nel pieno rispetto dei bisogni e dei tempi di ciascun bambino.

L'attenzione delle maestre di Bàssora si è inoltre focalizzata sul servizio dedicato all’alimentazione. I pasti sono preparati direttamente nella cucina interna del Farfabruco. Un menù tradizionale, vegano e vegetariano che si serve di pietanze sane, naturali ed equilibrate rivolte ai ragazzi dei nidi e delle scuole per l’infanzia.  

PordenoneToday è anche su WhatsApp. Iscriviti al nostro canale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una delegazione irachena in visita all'asilo nido Farfabruco
PordenoneToday è in caricamento