rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
IL PERIODO DELLA RENGA

Mercoledì delle ceneri, perché a Pordenone è tempo di aringhe e baccalà

Una tradizione diffusa in tutto il Friuli. L'origine dal Concilio Vaticano di Trento

13 dicembre 1545, Papa Paolo III apre il Concilio di Trento. Si vuole riformare la chiesa cattolica, discutere in materia di dogma e dottrina per reagire al calvinismo e al luteranesimo. Traendo origine dalle affermazioni prodotte allora, durante il Mercoledì delle Ceneri, si diffuse l'usanza del mangiare "di magro".

L'astensione, infatti, prevedeva di non mangiare carni, dolci e grassi. La tradizione popolare definisce "carni" tutte quelle degli animali presenti nell'arca di Noè. Il merluzzo, così, entrò invece nel menu dei cardinali nel 1561.

Da più di quattro secoli, quindi, per i friulani questo è il "periodo della Renga". Si mangiano aringa e baccalà, due pesci d'uso comune, proprio perchè consentivano di rispettare il precetto.

La cena a base di aringa dei mari significava che il Carnevale era terminato e si entrava nella Quaresima, in penitente attesa della Pasqua.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercoledì delle ceneri, perché a Pordenone è tempo di aringhe e baccalà

PordenoneToday è in caricamento