IL PREMIO

Enrico Galiano vince il Nastro d'Argento per il film 'Il punto di rugiada': «Non dimentichiamo i nostri vecchi»

Premiato come Miglior Soggetto

Una serata indimenticabile per Enrico Galiano al Maxxi di Roma.  Lo scrittore e docente pordenonese è stato tra i trionfatori ai Nastri d'Argento 2024.

Il punto di rugiada, insieme a Another end, è stato premiato come Miglior Soggetto. «Dopo un soggetto scritto furiosamente una notte e tante, tante volte in cui sembrava essere finito tutto, quel soggetto è diventato un film», aveva raccontato sui social Enrico Galiano, lo scorso dicembre, quando Il punto di rugiada stava per uscire al cinema. Racconta la storia di Carlo, un ragazzo costretto dopo un incidente da lui causato a passare un anno in una casa di riposo, dove incontra il vero dolore e la vera gioia.

Enrico Galiano, raggiante come si vede nella foto scattata con il Nastro d'Argento in mano, ha espresso così tutta la sua soddisfazione: «Abbiamo vinto. Il punto di rugiada, il film nato da una mia idea e di cui ho scritto il soggetto insieme al regista Marco Risi, a Riccardo De Torrebruna e Francesco Frangipane, ha vinto il Nastro d'Argento come Miglior soggetto! Non ho parole. Davvero. Grazie al Sindacato giornalisti cinematografici. Grazie a tutto il cast, a tutti i lavoratori e le lavoratrici che lo hanno reso possibile. Ma soprattutto grazie a loro: ai nostri nonni, genitori, ai nostri anziani. Come ho detto sul palco del premio quando non avevo neanche la voce per l'emozione: 'Non dimentichiamo i nostri vecchi, perché dimenticare i nostri vecchi significa dimenticare noi stessi'».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Enrico Galiano vince il Nastro d'Argento per il film 'Il punto di rugiada': «Non dimentichiamo i nostri vecchi»
PordenoneToday è in caricamento