rotate-mobile
social

«Cos'ha a che fare l'episodio di Ulisse e delle sirene con Gesù e con l'Islam?», per Pasqua lo spiega il prof Maggi

«Le guerre generano ricchezza per pochi e sofferenza per molti», ricorda il prof sui social

«Quale brano vi viene in mente pensando al Venerdì santo?» Se lo chiede Andrea Maggi che si dà una risposta in apperenza strana, quello di Ulisse e le sirene.

«Strano, dite? Adesso vi spiego. Nell’Odissea Ulisse si sottopone volontariamente al canto suadente delle sirene, che cercano di attirarlo verso di loro fingendo di potergli dare tutta la conoscenza che desidera. Ma si è fatto legare all’albero maestro della nave e i suoi compagni remano con la cera nelle orecchie, perciò la nave della sua vita, benché sottoposta alla tempesta delle tentazioni, prosegue lungo la retta via. Allo stesso modo Gesù, secoli dopo, trovandosi nel deserto, indebolito dalla fame e dalla sete, viene tentato da Satana, ma riesce a respingere ogni offerta del diavolo, mostrandosi più forte del male. Successivamente, sulla croce, gli viene detto di dimostrare che è il figlio di Dio e di scendere dalla croce. Ma lui non lo fa, perché il suo destino, per quanto doloroso, è quello di morire, per poi vincere la morte. E secoli dopo la religione islamica adotta il digiuno nel mese del Ramadan come atto di fortificazione della fede, per ricordare al corpo che il nutrimento più prezioso arriva dalla fede, non dalla gola», sottolinea.

«Per quanto l’epica e i testi sacri del cristianesimo e dell’Islam sembrino diversi, in realtà hanno molte più cose in comune di quante non siano le loro differenze. Questo dovrebbe insegnarci che certe stupide polemiche che nascono per dividerci e per farci odiare gli uni gli altri sorgono da chi si arricchisce con l’odio.
Il brano di Ulisse e delle sirene ci ricorda in fondo che le guerre generano ricchezza per pochi e sofferenza per molti. Dunque noi, che siamo i molti, dovremmo volere la pace, e non la guerra. Se ancora ci rimanesse un briciolo di intelligenza. E voi, cosa ne pensate?», conclude.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Cos'ha a che fare l'episodio di Ulisse e delle sirene con Gesù e con l'Islam?», per Pasqua lo spiega il prof Maggi

PordenoneToday è in caricamento