rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
La storia / San Quirino

Le "Shaking girls" di San Quirino terze ai mondiali di ballo latino

Ad Atene le ragazze sono salite sul terzo gradino del podio, aggiudicandosi il bronzo

Anche una piccola palestra può scrivere nuove pagine di storia dello sport italiano. È successo qualche giorno fa a San Quirino ai campionati mondiali di danza sportiva che si sono tenuti ad Atene, in Grecia. Le Shaking Girls, formate da Agnese Salpietro Cozzunella, Elisa Franco, Emma Scolaro, Eleonora Canciani e Margherita Manente, alla loro prima esperienza internazionale si sono aggiudicate un bronzo, battute solo da Finlandia e Macedonia. Gestire l’emozione di fronte a un palcoscenico di questo tipo non è stato semplice, così come non lo è stato gestire la pressione in una gara secca da dentro o fuori. Dalla loro parte avevano però l’energia e la passione trasmessa da Elisa Rossi Mel, fondatrice di Mil Pasos con un passato da ex atleta internazionale di danza latino americana. «Per me il ballo è sempre stato tutta la vita», afferma la coach al telefono. Prima con la ginnastica artistica, poi con l’insegnamento, ha sempre messo questo sport al primo posto realizzando uno spazio adatto ad ogni età. 

Elisa Rossi Mel non si è mai voluta spostare da San Quirino: «I miei genitori in passato hanno sempre dovuto fare un sacco di chilometri per farmi ballare. La zona più vicina è stata ad Azzano Decimo, e ad un certo punto sono arrivata persino a Udine e a Gemona per trovare un ballerino. Per questo la mia idea è sempre stata di creare qualcosa in paese, nonostante abbia avuto molte proposte di spostarmi in grandi città da Trieste a Udine fino a Pordenone. E ha funzionato, dato che adesso arriva gente anche dal Veneto». 

Il suo compagno pur di ritagliarsi del tempo con lei ha preso lezioni fino a diventare maestro, insegnando i segreti del ballo fino a mezzanotte. La scuola di San Quirino si occupa in particolare delle danze latino americane, caraibiche e angolane, ma solo da quest’anno hanno deciso di fare il grande salto e diventare autonomi. Con tutte le conseguenze del caso, dalle parte burocratica e tutte le incombenze che riguardano la gestione sportiva.

Ma come avviene il passaggio a un campionato del mondo nella danza?

«Per avere accesso bisogna essere convocate. Al momento abbiamo una quarantina di atleti iscritti che partono dalle classi più basse fino a raggiungere quelle di livello più alto. Le Shaking Girls, per fare un esempio, hanno vinto sia i campionati regionali e nazionali e quindi hanno avuto diritto a rappresentare l'Italia con la maglia azzurra». 

Non deve essere stato semplice organizzare tutto

«È vero. È stato molto dispendioso tra aereo hotel e tutto ciò che riguarda il trasporto dei materiali per la gara. Ma la gioia nel partecipare a un mondiale ci ha permesso di superare ogni problema e così ci siamo subito messi alla ricerca di qualche aiuto. Certe esperienze sono da cogliere al volo. Per questo abbiamo deciso, stringendo i denti, di prendere l’aereo per Atene e provarci. Il merito va anche dato ai genitori dei ragazzi e alla mia famiglia che si è presa la briga di darci un sostegno in vista del campionato». 

Le "Shaking girls" di San Quirino ai mondiali di ballo latino in Grecia

Per altro, in una gara dove si decide tutto all’ultimo passo

«C'è stata una tensione non indifferente perché per loro era la prima esperienza all’estero. Non avendo mai fatto una gara a livello internazionale è normale sentire certe emozioni, soprattutto se si è ragazze. Tutti, dai genitori al mondo della danza, contavano su di loro. E devo dire che hanno dato il massimo nella loro disciplina. Soprattuto pensando alla coreografia e al tema scelto per la finale, dal titolo "Lotta tra buio e luce: la genesi dei colori”».

Che cosa si è portata a casa dopo questo terzo posto?

«Una felicità immensa. È stata per me la prima esperienza da tecnico, e vivo talmente dei loro successi che tutto l'impegno che davo in pista ora lo restituisco a lezione. Il mio mantra è che si va sul campo solo per ritirare la coppa, perché la vittoria si ottiene solo in allenamento».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le "Shaking girls" di San Quirino terze ai mondiali di ballo latino

PordenoneToday è in caricamento