rotate-mobile
Venerdì, 12 Aprile 2024
Shark Awareness Day

Gli squali nel Mediterraneo sono a rischio (ma siamo in tempo per salvarli)

In occasione della giornata mondiale degli squali il Wwf lancia un allarme: la metà delle specie presenti nel Mediterraneo sono in pericolo, è la percentuale più alta rispetto a tutti gli altri oceani

Temuto e rispettato, da molti ritenuto il vero dominatore dei mari e più volte protagonista di pellicole sanguinose, lo squalo, è uno degli abitanti marini più celebri e affascinanti. Ma oltre alla loto imponenza e alla "fama" di grandi cacciatori, questi animali svolgono anche un "insospettabile" ruolo nel mitigare l'impatto dei cambiamenti climatici, aumentando con la loro presenza e attività il sequestro del carbonio e supportando la biodiversità marina. Eppure, nonostante siano simbolo di forza, anche gli squali sono a rischio a causa dei cambiamenti climatici e della mano dell'uomo, nella maggior parte dei casi tutt'altro che benevola.

Shark Awareness Day

Oggi, venerdì 14 luglio, è lo "Shark Awareness Day", la giornata mondiale degli squali, data in cui il Wwf lancia un appello a tutti i Paesi del Mediterraneo affinché mettano in atto le misure vincolanti emanate dalla Commissione Generale della FAO per la Pesca nel Mediterraneo e dalla CITES, recentemente adottate e che potrebbero migliorare la gestione della pesca e del commercio di squali e razze e aiutare il recupero delle 42 specie appartenenti a questo gruppo e ancora minacciate. Oltre la metà delle specie presenti nel Mediterraneo, infatti, sono a rischio: si tratta della percentuale più alta rispetto al resto degli oceani. E non solo, come anticipato a inizio articolo, le popolazioni di squali e razze svolgono un ruolo fondamentale nel mitigare l'impatto dei cambiamenti climatici.

L'infografica realizzata dal Wwf

Le azioni a difesa degli squali, anche attraverso progetti svolti in collaborazione con alcune comunità di pescatori come quella di Monopoli in Puglia, fanno parte delle attività della Campagna GenerAzioneMare del Wwf Italia. Grazie a ormai 5 anni di collaborazione con i pescatori nei monitoraggi e nella ricerca sperimentale, Wwf e Coispa hanno potuto verificare con l’utilizzo di marche satellitari, che l’Adriatico meridionale è un’area fondamentale per le verdesche, poiché qui passano gran parte dell’estate e dell’autunno. Inoltre, diverse strategie di mitigazione delle catture accidentali hanno fornito risultati promettenti, presentati nelle diverse sedi internazionali FAO e UE, che verranno ulteriormente testati e approfonditi nel corso del 2023 e 2024, sia a Monopoli, sia con i pescatori liguri.

Il ruolo "insospettabile" degli squali

Il ruolo degli squali non va minimizzato, come sottolinea Giulia Prato, responsabile Mare del Wwf Italia: "L'importanza della presenza di squali e razze nel Mediterraneo non va sottovalutata: ogni specie ha un ruolo significativo, come quello di alcune razze capaci di ‘mescolare’ i substrati marini con i loro movimenti, o altre specie pelagiche che, attraverso le migrazioni verticali, spostano nutrienti tra i diversi strati dell'oceano e tutte le specie di grandi squali e razze che nel corso della vita immagazzinano grandi quantità di carbonio nei loro corpi: carbonio che viene stoccato sui fondali oceanici quando, dopo la loro morte, le carcasse di questi animali precipitano in profondità. Si stima che la cattura degli squali impedisca di ‘stoccare’ negli oceani fino a 5 milioni di tonnellate di carbonio.  Popolazioni sane di squali e razze possono quindi contribuire, come accade anche per le grandi balene, al fondamentale ciclo del carbonio ‘blu’ del nostro oceano e contribuire a mitigare l'impatto del cambiamento climatico". Da un lato il Wwf plaude alle recenti misure volte a garantire una pesca più sostenibile di squali e razze nel Mediterraneo e a proibire presto la pesca ricreativa di 39 specie, dall’altro mette in guardia rispetto alla loro efficacia, che potrebbe essere pericolosamente compromessa dalla lenta attuazione a livello nazionale.

Quali sono le specie a rischio?

Sono diverse le specie a rischio critico di estinzione: la Vaccarella, l’Aquila di mare e la Rinottera sono specie prive di protezione e di misure di gestione nel Mediterraneo. Ritardare le azioni di gestione mette in costante rischio le specie minacciate di squali e razze e compromette la sostenibilità a lungo termine delle attività di pesca e dell'intero ecosistema marino. Ci troviamo in un momento critico per la conservazione di squali e razze: mentre le recenti decisioni vincolanti offrono speranza per il mantenimento e la ricostruzione dei loro ruoli nell’ecosistema, i paesi del Mediterraneo devono mettere in atto senza ulteriori ritardi misure di gestione della pesca su base scientifica, stanziando risorse adeguate per la loro attuazione e applicazione, sostenendo tutte le parti interessate, compresi i pescatori, affinché rispettino le nuove misure, garantendo la raccolta e il monitoraggio dei dati e intensificando la conservazione degli habitat critici per squali e razze. Cosa fare allora? Il Wwf chiede al governo italiano di sviluppare  un Piano d’Azione Nazionale (NPOA) per la salvaguardia e gestione di squali e razze, attraverso l’istituzione di un tavolo interministeriale di coordinamento e in consultazione con gli esperti della comunità scientifica, i pescatori e le organizzazioni della società civile: un NPOA permetterebbe di rispondere agli impegni presi in modo armonico, migliorando la raccolta dati a livello nazionale, prevedendo misure di mitigazione e gestione delle catture accidentali sulla base delle migliori conoscenze scientifiche e di protezione degli habitat essenziali e delle specie a rischio.

Articolo originale su Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli squali nel Mediterraneo sono a rischio (ma siamo in tempo per salvarli)

PordenoneToday è in caricamento