rotate-mobile
Cinema

Incontri, proiezioni in anteprima e una masterclass di Marco Bellocchio: il programma del Pordenone Docs Fest

Tra gli ospiti la direttrice Oleksandra Romantsowa di Center for Civil Liberties, Premio Nobel per la Pace 2022

65 film in programma (di cui 24 in anteprima nazionale); due retrospettive; decine gli ospiti da tutti i continenti; e tre poster art firmate da grandi artisti di livello nazionale: Davide Toffolo, Sara Colaone ed Elisa Turrin “Upata”.  È giusto partire dai numeri per definire ciò che gli organizzatori hanno definito l'edizione del Pordenone Docs Fest più internazionale di sempre. Un evento, in programma dal 10 al 14 aprile a Cinemazero, che da quest'anno ha trovato anche il supporto del Parlamento Europeo che ha scelto di assegnare il patrocinio a Le voci del documentario di Pordenone. 

Sono molti i temi che i registi cercheranno di affrontare attraverso i loro film: diritti delle donne, tutela dei minori, libertà giornalistica, rispetto per l’ambiente, l’arte libera e dissacrante, l’amore e le relazioni. "Con questo festival ci mettiamo la faccia" afferma Riccardo Costantini. "Il cinema documentario può e deve parlare a un pubblico più ampio mettendo sempre al centro la varietà dell’essere umano e delle culture".

Un Premio Nobel per la pace

Pordenone Docs Fest negli anni ha sempre cercato di portare lo spettatore verso mondi lontani. Lo farà anche quest'anno dalla Corea del Nord, il Cile, il Nepal fino all’Australia e l’Iraq. Si parlerà di conflitti, compresi quelli israelo-palestinese e russo-ucraino. Ma sempre con uno sguardo completo e imparziale. Oleksandra Romantsowa, presidente di Center for Civil Liberties, Premio Nobel per la Pace 2022,  sarà protagonista di una delle serate del festival con la presentazione del film The Kyiv Files di Walter Stokman grazie al quale il pubblico avrà accesso a documenti d'archivio del KGB. Dalla Russia, invece, arriverà How to Save a Dead Friend di Marusya Syroechkovskaya. Una storia che racconta una generazione perduta attraverso le vicende di due giovani innamorati e tormentati da dolori.

Ci sarà anche una riflessione sul conflitto israelo/palestinese con un racconto che sceglie di andare controcorrente come Mourning in Lod della regista Hilla Medalia. Il politico e attivista Bob Brown porterà invece il film in anteprima nazionale The Giants, dove la storia degli alberi, i giganti della foresta, si intreccia con quello dell'uomo.

Masterclass con Marco Bellocchio

Non ci sarà solo un Premio Nobel. Pordenone Docs Fest ospiterà anche una Palma d'oro alla carriera. Marco Bellocchio, con una lunga carriera da regista alle spalle, questa volta sarà a Pordenone in una duplice veste: da presidente di giuria, e da docente tenendo una masterclass esclusiva domenica 14 aprile. Venerdì 12 la calciatrice di origine friulana Elena Schiavo, capitana della nazionale italiana negli anni Settanta, racconterà l’esperienza di quella Coppa del Mondo di calcio femminile del 1971 portata sul grande schermo nel film Copa 71. Il Premio “Il coraggio delle immagini” andrà invece a Mediha, giovane adolescente della minoranza yazida del nord dell'Iraq, sopravvissuta al rapimento e alla vendita come schiava da parte dell'Isis.

Gli incontri

Spazio inoltre a incontri di ampio respiro. Si parte con "Un festival green per una città green" giovedì 11 alle 17:30 in Sala Ellero,  con l'intervento dell'architetto Lorenzo Mattozzi in collaborazione con l'Ordine degli architetti. E si proseguirà con gli eventi industry: NIU Doc – Idee per Nuovi Documentari; Nord Est Doc Camp, e Vero! Documentari in rete, Wiki Doc. 

Il festival, oltre a essere uno spazio di confronto, vuole essere allo stesso produttore di cultura. Proibito! è il titolo del podcast creato per questa edizione su Processo per stupro, una pagina cupa della storia giudiziaria italiana diventata film fondamentale per comprendere l’Italia del passato e del presente. A chiudere in bellezza il cineconcerto finale di Teho Teardo Acqua, porta via tutto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incontri, proiezioni in anteprima e una masterclass di Marco Bellocchio: il programma del Pordenone Docs Fest

PordenoneToday è in caricamento