rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
IN TELEVISIONE / Claut

Mauro Corona propone a Al Bano un gemellaggio con Cellino nel Pordenonese

«Ho bevuto gasolio per tutta la vita, i vostri vini sono eccellenti» aveva detto, apprezzando i regali ricevuti dal cantante pugliese e da Oscar Farinetti

Guerra, diplomazia, speranze di pace, politica. Gli argomenti seri e le discussioni sulle tensioni generate dal difficilissimo periodo che il mondo sta affrontando non sono mancati nemmeno ieri, martedì 12 marzo, nella puntata di È sempre Cartabianca, in prima serata su Rete 4. Ma, nel programma condotto da Bianca Berliguer ci sono stati anche dei momenti decisamente più leggeri e frizzanti, in cui a tenere banco sono stati l'amicizia e il vino.

«Volevo dire a Mauro Corona che ha due zone pazzesche dell'Italia che sono il Salento e le Langhe e diciamo che sia io che lui cerchiamo di interpretare le identità dei nostri territori. È molto importante che ciascuno di noi, che ha avuto la fortuna di nascere nella nazione più prolifica del mondo per quanto riguarda il cibo e il vino, si 'sbatta' per rispettare l'identità dei propri territori. Sono contento per Mauro così beve un po' di vino di tutta Italia, migliora la sua conoscenza della biodiversità, perché diciamo che lui è molto attento alla quantità, magari un po' meno alla qualità. Vorrei che ti rendessi conto che a casa sia con Albano che con me hai dei vini sublimi e non devi parlare di quantità, ma soprattutto di qualità», ha detto il piemontese Oscar Farinetti, originario delle Langhe, sottolineando l'importanza del suo vino e di quello prodotto dal cantante pugliese Al Bano.

«Infatti ho bevuto gasolio tutta la vita, ho dovuto diventare noto per bere vini buoni, questo è l'unico vantaggio della gloria, sono vini eccellenti», ha replicato Mauro Corona divertito.

Al Bano, con cui ormai è nata una bella amicizia, suggellata anche da alcune casse del suo vino che gli ha recentemente regalato, ha voluto intonare per lui a cappella il suo grandissimo successo, 'Nel sole'.  «Eravamo sfollati a Cimolais subito dopo il Vajont e siamo rimasti lì alcuni anni e mi ricordo che tornavo ad Erto a piedi e mi ricordo che avevo sentito questa canzone nel 1967. Tornando a casa a piedi nel mio paese devastato mi ripetevo 'Nel sole' e mi è rimasta in testa, anche adesso che sono antico come la Terra», ha ricordato Mauro Corona che ha proposto ad Al Bano un gemellaggio.

«Qui abbiamo un paesino che è un pugno di case incastrato nella roccia, si chiama Cellino (frazione di Claut) e sotto è 'graffiato' dal torrente Cellina. Io vorrei fare un gemelleggio, Cellino San Marco e Cellino della Valcellina», ha proposto l'ertano. «Per me è già fatto, adesso ne parliamo con le persone che sono addette a questa cosa e lo facciamo. Va bene?», ha risposto prontamente sorridendo Al Bano.

Durante la puntata Mauro Corona ha voluto anche ringraziare il sindaco di Longarone Roberto Padrin che «dopo reiterate richieste e domande è riuscito ad aprire una palestra per ragazzi con una parete artificiale per arrampicata dopo anche la sera dopo il lavoro i giovani e i meno giovani vanno lì e si allenano per poi frequentare la montagna d'estate».


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mauro Corona propone a Al Bano un gemellaggio con Cellino nel Pordenonese

PordenoneToday è in caricamento