rotate-mobile
social Vajont

«Piccoli gesti che scaldano il cuore», Fedriga ringrazia gli alunni della scuola primaria di Vajont per la cassetta delle lettere gentili

«Ogni atto di gentilezza, grande o piccolo, lascia un'impronta indimenticabile», scrive il Presidente della Regione su Facebook

Tanti cuoricini, un farfalla, il sole. Pensieri semplici che, però, sono grandi e a ricordarcelo spesso sono i bambini. Gli alunni della classe terza della Scuola Primaria di Vajont, lo scorso 13 novembre, in occasione della giornata internazionale della gentilezza, avevano realizzato una cassetta di lettere gentili.

«Teniamo molto a far arrivare anche a Lei un pensiero. Pensiamo che solo attraverso la gentilezza si potrà rendere il mondo un posto migliore», scrivevano nella lettera indirizzata al Presidente della Regione Friuli Venezia-Giulia, Massimiliano Fedriga.

«Per quanto piccolo, nessun atto di gentilezza è sprecato», sottolineavano citando Esopo e concludevano, «Se vorrà risponderci le saremo molto grati. Sperando di aver fatto cosa gradita le porgiamo Cordiali saluti».

Il presidente della Regione Massimiliano Fedriga ha risposto scrivendo in maiuscolo «Piccoli gesti che scaldano», dando così il giusto risalto alla lettera ricevuta e al bellissimo messaggio di cui questi bambini si sono fatti portatori.

«Ogni atto di gentilezza, grande o piccolo, lascia un'impronta indimenticabile. Non è mai sprecato, ma diventa un faro di speranza verso un mondo migliore. Come la cassetta delle lettere gentili, realizzata dagli alunni della scuola Primaria di Vajont ai quali va il mio ringraziamento per il bellissimo pensiero», ha scritto su Facebook.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Piccoli gesti che scaldano il cuore», Fedriga ringrazia gli alunni della scuola primaria di Vajont per la cassetta delle lettere gentili

PordenoneToday è in caricamento