la decisione / Fontanafredda

MCZ chiude lo stabilimento, a casa 70 dipendenti

Finisce l'esperienza in Croazia iniziata nel 2015

La MCZ di Fontanafredda chiuderà il suo stabilimento croato di Albona, in Istria. Alla base di questa decisione c'è una importante flessione nel mercato delle stufe a pellet: tutto ha avuto inizio con lo scoppio della guerra in Ucraina che ha fatto triplicare il prezzo del combustibile e fatto crollare quindi la vendita di stufe e caldaie. 
Quando i prezzi sono tornati alla normalità però le vendite non sono ripartire. 
Nello stabilimento di Albona, che si trova nella zona industriale di Vines, a fine mese 70 dipendenti rimarranno senza lavoro. Altri 40, come riporta il Messaggero Veneto, hanno già lasciato la MCZ. 
Lo stabilimento istriano era stato aperto nel 2015 e aveva un produzione di 10 mila pezzi all'anno tra stufe e caldaie a pellet. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

MCZ chiude lo stabilimento, a casa 70 dipendenti
PordenoneToday è in caricamento